Panificio che ritira il pane vecchio - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

A Buccinasco il pane non si butta. Si rottama, premiando i clienti che portano indietro il pane vecchio

Al Forno Bedon il pane è simbolo di sacrificio e amore, e per questo non va buttato: chi porta indietro quello vecchio ottiene il 15 per cento di sconto per l'acquisto di panini o michette di giornata. E il pane recuperato viene destinato a canili e gattili

Chi ama il pane non lo butta. Ecco perché nel forno di Rinaldo Bedon il pane non viene mai sprecato, perché è prima di tutto una passione e un simbolo. Di notti insonni, temperature roventi e tanti sacrifici. Come quando, a 13 anni, Rinaldo ha cominciato i primi passi nel mondo della panetteria, come apprendista e aiutante del fratello di un suo amico. Lavorava di notte, e di giorno andava a scuola, stanco al punto che a volte si addormentava sul banco. 

LEGGI ANCHE: Panifici solidali: dove è possibile, ogni giorno, donare il pane ai poveri. Si evitano sprechi e si aiuta chi è in difficoltà

PANIFICIO CHE RITIRA IL PANE VECCHIO

O come quando, appena 21enne, il panettiere veneto decide di aprire, in società con un amico, un primo panificio di proprietà. Con i soldi risparmiati a bottega in un paesino vicino Cantù, tanti sogni in tasca e tanti progetti. Ma anche tanti debiti, che però lo incoraggiano a essere sempre più determinato a portare avanti i suoi piani. Col tempo l’amicizia dei due soci prende strade diverse: Bedon si trasferisce alle porte di Milano, a Buccinasco, e apre un primo laboratorio di panetteria, a via Palermo. Al quale seguirà il punto vendita di piazza San Biagio.

La storia d’amore tra Rinaldo e il pane dura da quarant’anni, e con lei le gioie e le soddisfazioni di un mestiere duro fatto di forni caldissimi, sudore e notti passate ad aspettare lieviti e impasti.

panificio che ritira il pane vecchio

ROTTAMAZIONE DEL PANE

Questo è il motivo per cui, nel frono di Rinaldo non si spreca il pane, semplicemente lo si rottama, come si fa con le auto. Il funzionamento è semplice: chiunque riporti indietro la michetta del giorno prima ottiene da Rinaldo e dai suoi collaboratori lo sconto del 15 per cento sull’acquisto di pane di giornata. 

Le rosette, gli sfilatini e i panini all’olio che sono portati indietro vengono destinati a canili, gattili, progetti di volontariato per gli animali o cascine per la pet-therapy.
L’idea, ormai marchio di fabbrica del Forno Bedon, nasce una mattina in cui un signore anziano, cliente affezionato, si lascia scappare che avrebbe acquistato una sola rosetta perché aveva quella del giorno prima da consumare per evitare di gettarla. Da lì la scintilla: Rinaldo gli chiede di portare indietro la rosetta avanzata in cambio di uno sconto sull’acquisto del nuovo pane. Da quel giorno, l’iniziativa è un successo, e molti clienti rottamano il pane, arrivando anche da fuori città pur di aderire. 

PER APPROFONDIRE: Trasformare il pane invenduto in birra: l’idea di Franco, Emanuela e Gianni per combattere gli sprechi alimentari

FORNO BEDON BUCCINASCO

Ma non tutti vogliono lo sconto, alcuni sono affascinati dal gesto solidale e altruista, e preferiscono lasciare il 15 per cento dell’eventuale sconto in un barattolo che raccoglie donazioni per adottare a distanza bambini  meno fortunati. I circa 300 euro annui che raccolgono in questo modo permettono di sostenere un bambino o una bambina ogni anno.  Ma non chiamate Rinaldo Bedon un benefattore: per lui, fornaio figlio del dopoguerra, essere generosi ed aiutare chi non ha le stesse opportunità non è un gesto straordinario,  solo un obbligo morale. 

(Si ringrazia per le immagini il sito del Panificio Bedon)

NON SPRECARE CIBO:

Shares

Shares