Questo sito contribuisce all'audience di

Paesi senza contanti, più trasparenza e più risparmi. Ma l’Italia non c’è

Svezia e Danimarca hanno quasi del tutto eliminato il cash. E i pagamenti elettronici aumentano ovunque. Solo in Italia i contanti volano e l’83 delle transazioni si fanno con carta moneta. C’entra qualcosa l’evasione record e il riciclaggio?

Condivisioni

PAESI SENZA CONTANTI –

Un mondo dove non circolano più monete e banconote, dove la fila allo sportello di una banca per ritirare soldi diventa un video da antiquariato finanziario, dove qualsiasi acquisto, anche un pacchetto di sigarette, passa su piattaforme elettroniche. Non è il mondo del futuro, ma l’attualissimo cambiamento che vede un testa a testa tra paesi scandinavi, Svezia e Danimarca, per stabilire quale sarà la prima nazione del Pianeta totalmente cashless. Un mondo dove, però, la nostra Italia semplicemente non c’è, assente ingiustificato.

SVEZIA: PRIMO PAESE CASHLESS –

In Svezia, la Banca centrale è pronta a lanciare la e-corona, ovvero la prima valuta elettronica nazionale, ma già adesso soltanto il 2 per cento delle transazioni commerciali avvengono senza contanti, 900 sportelli bancari (su un totale di 1.600) non distribuiscono più contanti, i bancomat stanno scomparendo, stipendi e pensioni nella pubblica amministrazione si distribuiscono solo con modalità elettroniche. E il 90 per cento dei giovani utilizza Swish, pagamenti attraverso app e smartphone perfino per offerte di beneficenza.

DANIMARCA CASHLESS –

Quanto alla Danimarca, l’obiettivo è di raggiungere il traguardo di una cashless society entro il 2020, ma anche in questo paese l’accelerazione dell’ultimo anno è stata molto forte. Il 40 per cento della popolazione danese si serve delle piattaforme per i mobile payment, pagamenti elettronici senza che si veda circolare una sola moneta. Metti lo smartphone su una piastra elettronica e, zac, hai pagato il biglietto dell’autobus, la spesa al supermercato, il conto al ristorante. Come le bollette di gas, luce e acqua che, grazie ai pagamenti elettronici, puoi anche controllare in diretta, riducendo gli sprechi energetici. Tutto viaggia per le autostrade dell’universo digitale, e tutto viene ben scortato e supportato dalle innovazioni che arrivano dai grandi player di questo nuovo mercato, in prima fila i colossi americani come Amazon, Apple e Google. Amazon, per esempio, ha già introdotto la spesa domestica, elettronica ed automatica, attraverso dei sensori piazzati nel frigorifero. Manca la carne? Sta finendo il parmigiano? Il latte è sotto il livello di guardia per la prima colazione dei bambini? L’app di Amazon trasmette l’ordine di acquisto direttamente al fornitore e la nuova spesa arriva a casa, senza passare dal supermercato e senza doversi ricordare di scrivere la nota lista della spesa. Con l’aggiunta che i rifornimenti necessari, in tempo reale, aiutano anche a ridurre gli sprechi alimentari in casa.

paesi-senza-contanti-svezia-danimarca-cashless-society (3)

LEGGI ANCHE: Roma, la corruzione costa ai cittadini 1,3 miliardi all’anno

CASHLESS SOCIETY –

La tendenza del cashless non è però un fenomeno concentrato al club esclusivo degli evoluti paesi scandinavi. È un fenomeno mondiale, come dimostra il fatto che il contante in circolazione, negli ultimi anni, sta diminuendo a un tasso globale di circa il 7,5 per cento, con punte del 20 per cento nei paesi emergenti dell’Asia. Le nazioni anglosassoni sono decisamente più avanti, e la moneta elettronica è entrata negli stili di vita di questi popoli già da molti anni. In America, per esempio, senza la garanzia di una carta di credito non puoi neanche mettere piede nella stanza di un albergo. Ricordo in proposito il racconto di Guido Carli che, da Governatore della Banca d’Italia, fu respinto al desk del Ricevimento di un albergo di Philadelphia per il solo fatto di non avere presentato una carta di credito. Il problema fu risolto grazie all’intervento del consolato italiano.

ELIMINAZIONE DEL DENARO CONTANTE IN ITALIA –

In questa marcia universale, diventata una vera corsa di mezzofondo, verso la cashless society l’Italia, purtroppo, è nelle postazioni di coda, innanzitutto in Europa. Con uno spreco enorme per la collettività. I contanti nel mondo diminuiscono? Da noi aumentano. Secondo i calcoli della Banca d’Italia ancora l’83 per cento delle transazioni avvengono con carta moneta, 16 punti in più rispetto alla media europea (attualmente al 67 per cento). E il cash in circolazione nel nostro Paese (180 miliardi di euro a fine 2015) è pari al 10,6 per cento del Pil, rispetto all’appena 3,6 per cento del Regno Unito.

VANTAGGI ELIMINAZIONE DEL DENARO CONTANTE –

Uno dei motivi che spingono le nazioni di tutto il mondo ad andare verso la circolazione esclusiva di monete elettroniche è il risparmio, in termini di costi della carta moneta. Per dare un’idea: il contante costa 133 euro l’anno per abitante, le carte di credito non arrivano a 11 euro. Un secondo vantaggio, forse il più importante per ciascun sistema Paese, è legato al fatto che le società cashless, per loro natura, riducono l’evasione fiscale, l’economia sommersa, e rendono tracciabili tutti i pagamenti, disincentivando il riciclaggio del denaro sporco, frutto della corruzione o dei traffici malavitosi. Se pensate che in Italia abbiamo record mondiali ed europei di evasione dell’Iva, della quota di economia sommersa sul pil e dei livelli di corruzione, avete un quadro di quante sono le opportunità che sprechiamo non favorendo la circolazione della moneta elettronica. Ma forse, ragionando con una punta malizia, è proprio contro gli interessi, saldati attorno a questi fenomeni di distorsione sociale, che si blocca il cammino dei pagamenti elettronici in Italia. Secondo i calcoli di una ricerca curata da Ambrosetti, soltanto in termini di recupero del gettito grazie al riemersione di un pezzo dell’economia con l’aumento della quota dei pagamenti elettronici a livello della media Ue, i conti pubblici italiani vedrebbero un recupero di entrate pari a 40,8 miliardi di euro l’anno. Almeno due manovre finanziarie pesanti.

paesi-senza-contanti-svezia-danimarca-cashless-society (2)

PER APPROFONDIRE: Evasione fiscale in Italia, siamo a quota 91 miliardi. Per questo paghiamo tante tasse…

VANTAGGI CASHLESS SOCIETY –

La cashless society è innovativa e competitiva per definizione. Azzera i costi della carta moneta e riduce l’evasione, come abbiamo visto, ma aumenta la capacità tecnologica e la concorrenza in tutti i gironi dell’economia. Tra i motivi del successo universale di Uber c’è la semplicità e la trasparenza dei pagamenti di ogni singola corsa: tutto avviene senza che circoli una sola moneta. In molte grandi città italiane, penso a Roma, Napoli e Torino, per non fare differenze geografiche, la semplice introduzione delle carte di credito per pagare le corse, è ancora un tabù. E così la partita della concorrenza è persa in partenza.

Infine, il sistema cashless incentiva il rilancio dei consumi. Ci sono alcune statistiche che parlano di aumenti a due cifre, tra il 10 e il 15 per cento, degli acquisti nei circuiti della grande distribuzione o nei centri commerciali, grazie alla diffusione capillare del pagamento elettronico. In fondo, rinunciare alla carta moneta, sommando i fattori in campo, significa meno sprechi e più risparmi. Meno spazi per i furbi, e più opportunità per la sana concorrenza. Più tutele per il consumatore, meno margini per chi vuole approfittare di una posizione di rendita sul mercato. Non male, in tempi in cui ancora non abbiamo capito come e quando si esce dal tunnel della Grande Crisi.

 

EVASIONE E CORRUZIONE, L’ITALIA CHE HA QUALCOSA DA NASCONDERE:

  1. Vi racconto come funzionano gli sprechi e il sistema della corruzione (Piergiorgio Baita)
  2. Corruzione in Italia, non bastano leggi e autorità. Serve riscoprire l’onestà, parola ormai desueta
  3. Terremoto e ricostruzione. Riusciremo a uscire dal tunnel della corruzione?
  4. Banche italiane, salviamole dal fallimento. Ma basta con la corruzione e con la casta degli intoccabili
  5. Sanità: spesa unica per i farmaci. Contro gli sprechi e la corruzione
  6. Appalti pubblici: cambiano le leggi ogni settimana e così vincono corruzione e sprechi
  7. Perché si devono pagare le tasse, e non possono farlo soltanto la metà dei cittadini
  8. Tasse locali, sono cresciute da 30 a 103 miliardi. E i servizi peggiorano
  9. Evasori fiscali: 30mila contribuenti italiani nascosti a San Marino. Con 33 miliardi di euro