Questo sito contribuisce all'audience di

93 anni e una grinta da far invidia. La storia di nonna Irma, volata in Kenya a offrire il suo aiuto ai bambini di un orfanotrofio (foto)

Niente villaggi turistici, nè guide turistiche. La nonnina 93enne vicentina, insieme alla figlia, ha lasciato l'Italia per dare un aiuto concreto ai bambini del Kenya. A raccontarlo è la nipote Elisa

di Posted on
Condivisioni

NONNA IRMA IN KENYA

“Questa è la mia nonna Irma. Una giovanotta di 93 anni che stanotte è partita per il Kenya. Non in un villaggio turistico servita e riverita, ma per andare in un villaggio di bambini, in un orfanotrofio”.

Con questo post su facebook della nipote Elisa, nonna Irma, 93enne di Noventana Vicentina, è diventata famosa su tutto il web. Dietro la sua storia vi è una scelta molto coraggiosa che ha stupito in primis i suoi parenti e poi tutti gli italiani.

“Ve la mostro perché credo che tutti noi dovremmo conservare sempre un pizzico di incoscienza per vivere e non per sopravvivere“. Elisa ha chiuso il suo messaggio sul social network con una una frase che esprime il grande legame con la nonna. “Guardatela… ma chi la ferma? Io la amo”.

PER APPROFONDIRE: La storia di Mirella , 73 anni: muore la sorella e lei si dedica alle mense per poveri e senzatetto (foto)

NONNA IRMA KENYA

Irma non ha avuto la vita facile. E’ rimasta vedova quando aveva 26 anni, con già tre figli da accudire. Ma non si è mai persa d’animo. Si è dedicata alla famiglia e all’aiuto verso i più bisognosi.

Sempre Elisa racconta, in un’intervista a Repubblica, come abbia avuto inizio la nuova avventura di nonna Irma. Conosceva infatti da tempo una coppia vicentina, marito e moglie, che ogni anno si reca in Kenya per portare aiuto a un orfanotrofio fondato da un giovane missionario vicentino, Don Remigio (che attualmente ha più o meno l’età di Irma). La moglie aiuta i piccoli orfani, il marito si presta a fare piccoli lavoretti di manutenzione dell’edificio dell’orfanotrofio e dall’Italia Irma stessa li aiutava come poteva, con offerte e parole di incoraggiamento.

LEGGI ANCHE: Lady Bottura, la moglie dello chef più famoso del mondo: è lei l’anima della rete dei Refettori per i poveri (foto e video)

La dolce nonnina quest’anno ha deciso che non erano più sufficienti le sole offerte e le parole. Così trolley rosso in una mano e bastone di sostegno nell’altra, è partita alla volta di Nairobi insieme alla figlia (la mamma di Elisa). Missione: aiutare i bambini ospiti di un orfanotrofio. Un fortissimo e fantastico esempio di cosa sia il vero senso della vita.

Dopo diverse ore di viaggio, una volta giunta a destinazione, Irma ha inviato solo alcune foto a casa e un messaggio vocale: “Sto bene. Il viaggio è stato lungo, ma sono già operativa. E sono felice“.

93ENNE IN KENYA

Le due donne torneranno in Italia a metà marzo, ma Elisa è sicura del fatto che la nonna non si accontenterà di così poco. “Magari rimarrà in Kenya: è tutto possibile, conoscendo il suo gran cuore e la sua energia”, spiega Elisa nell’intervista a Repubblica.

PER SAPERNE DI PIU’: Guido, il pensionato di Roma che ripara i giocattoli da donare ai bambini poveri

Con migliaia di condivisioni su Facebook, la 93enne vicentina sta diventando un fenomeno virale. “La amo senza conoscerla. Che abbia una lunga vita per donare tanto amore e per darci ancora lezioni di vita“, si legge in uno dei commenti. E ancora: “E’ meravigliosa, un grandissimo esempio di umanità, quella che spesso manca.”.

(Tutte le foto sono state prese dalla Pagina Facebook di Elisa Coltro).

PICCOLI GESTI DI SOLIDARIETA’ PER LE FAMIGLIE PIU’ POVERE DA CONDIVIDERE:

  1. Negozi della solidarietà, dove tutto si compra senza soldi. E si aiutano i consumatori poveri
  2. Paolo e i laureati all’Università della solidarietà, dove si impara ad aiutare il prossimo
  3. In Brasile, i frigoriferi della solidarietà per aiutare i poveri e combattere gli sprechi
  4. Cure gratis per i poveri a Bari, ci pensa un chirurgo in pensione. Con la sua squadra
  5. Poliambulatorio Anver, quando le donne fanno buona sanità a basso costo. E gratis per i poveri