Natalia Rodik, l’insegnante russa che insegna italiano alle profughe ucraine
Questo sito contribuisce all'audience di

Natalia, l’insegnante russa che insegna l’italiano alle profughe ucraine scappate a Palermo

Si considerano sorelle, nonostante le divisioni di una tragica guerra. La scuola nella sede del Polo integrato, nato per aiutare gli immigrati

di Posted on

Si sentono sorelle. Ma la guerra le divide in modo profondo, anche se riescono a stare insieme, nei due poli di un’aula di scuola, dalla parte di chi ascolta e dalla parte di chi insegna. Natalia Rodik ha 35 anni, russa, arriva dalla Siberia, collabora con l’Università di Palermo e fa la freelance nel capoluogo siciliano.

NATALIA RODIK

Ad ascoltare le lezioni di Natalia ci sono, ogni giorno, una decina di alunne ucraine, dai 20 ai 40 anni, più una bambina di 10 anni: sono le alunne, profughe, fuggite dalla guerra e rifugiate a Palermo, dove sono arrivate, come buona parte delle donne scappate dall’Ucraina in cerca di aiuto, sena sapere parlare neanche una parola d’italiano.

Fonte: Linkedin

LEGGI ANCHE: A chi dare gli aiuti per l’Ucraina

POLO INTEGRATO SOCIALE DI PALERMO

Le lezioni si svolgono nella sede palermitana del Polo integrato, nato proprio con l’idea di favorire l’accoglienza degli immigrati, quando nessuno immaginava che potesse scoppiare un conflitto di questa portata in Ucraina. E così il Polo, che ha un’altra sede anche a Catania, è diventato un luogo simbolo della solidarietà made in Italy dove un’insegnante russa insegna l’italiano alle allieve ucraine.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

Photo credit: Bumble Dee / Shutterstock.com

STORIE BELLE DI ACCOGLIENZA:

  1. Maria, 88 anni, lascia la casa a una famiglia ucraina
  2. Fania, ebrea ucraina, salvata da Maria durante il nazismo. E adesso restituisce l’aiuto
  3. Fast food per i poveri, dove un cuoco russo cucina anche per i profughi ucraini

 

Share

<