Questo sito contribuisce all'audience di

Strage in Qatar: 1.200 morti per costruire gli stadi dei mondiali. Perché tacciono Coni e Figc?

Vite sprecate nei cantieri dove operai indiani e nepalesi lavorano 16 ore al giorno a 50 gradi. Adesso sappiamo che questi mondiali sono stati assegnati con il corrotto sistema Blatter. Sui morti invece tutto tace per non disturbare il circo del dio Pallone?

di Posted on
Condivisioni

MONDIALI QATAR 2022: STRAGI NEI CANTIERI –

Con lo scandalo della Fifa, e con le dimissioni del suo inossidabile dominus, Sepp Blatter, adesso conosciamo il metodo con il quale i mondiali di calcio del 2022 sono stati assegnati al Qatar. E’ il metodo Blatter, ovvero una corruzione ramificata e diffusa, scoperta grazie alle indagini della Fbi. Ma, mentre si parla tanto dello scandalo delle mazzette ai vertici del circo pallonaro, una coltre di silenzio copre uno scandalo più grave: la strage degli innocenti nei cantieri per gli stadi in Qatar. Un silenzio tombale, che dovrebbe imbarazzare e indignare sponsor di lusso come Adidas, Coca Cola, Sony, Visa. Stanno finanziando loro, consapevolmente o inconsapevolmente, questa strage.

Possiamo accettare, in silenzio, una strage per la costruzione degli stadi in Qatar per i prossimi campionati del mondo di calcio del 2022? È quello che avvenendo nei cantieri di questo paese arabo, mentre sui giornali e in tv passano le immagini sulle meraviglie dei nuovi impianti e sulla presunta modernizzazione di Doha e delle altre città coinvolte. Sui morti, invece, silenzio tombale, come se non esistessero. L’unica denuncia arriva dalla solita voce isolata e inascoltata di Amnesty International e di alcuni sindacati, anche italiani, che raccontano i numeri dell’ecatombe: 1.200 operai morti sui cantieri fino ad oggi. In gran parte si tratta di manodopera, priva di qualsiasi forma di assistenza sanitaria, che arriva dal Nepal, dall’India e dal Bangladesh.

LEGGI ANCHE: Rio capitale dell’inquinamento, a rischio le Olimpiadi del 2016?

LE CONDIZIONI DI LAVORO NEI CANTIERI PER I MONDIALI DI CALCIO –

Un lungo elenco di vite sprecate, morti assurde , dovute alle incredibili condizioni di lavoro. Nei cantieri per i mondiali, infatti, si lavora fino a 16 ore al giorno, senza interruzione, con temperature che toccano il valore record di 50 gradi. E si muore d’infarto. Tenendo conto che ai nuovi stadi lavorano circa un milione di operai, se continua così e se non si interviene, da oggi al 2022 i morti potrebbero diventare oltre 4mila. «Siamo dinanzi a una catastrofe, che noi abbiamo segnalato a tutte le autorità. Il governo di Doha ci ha risposto incaricando uno studio legale che ha prodotto su due piedi alcune, blande raccomandazioni, peraltro inattuate, sulle condizioni di lavoro» racconta Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. E aggiunge: «Aspettiamo di sentire una parola dalla Fifa, che sta coprendo con una sorta di cortina fumogena la strage, parlando di un Paese moderno e di impianti all’avanguardia, senza però accennare alla strage».  A parte la Fifa, la nostra Federazione del calcio non ha nulla da dire? E il Coni? Chiudiamo gli occhi di fronte al circo pallonaro e accettiamo il sacrificio degli innocenti nel nome del dio Pallone?

PER APPROFONDIRE: Ecco la terra più inquinata del mondo in Ghana dove migliaia di ragazzi lavorano nella discarica dei prodotti elettrici