Mappa dei Giacimenti Urbani, a Milano la mappatura delle buone pratiche di riciclo e riparazione | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Mappa dei Giacimenti Urbani, a Milano la mappatura delle buone pratiche di riciclo e riparazione

Qui trovi tutti i servizi offerti da negozi, laboratori, associazioni, parrocchie che si adoperano per la riduzione di imballaggi e rifiuti attraverso la riparazione, il ritiro e il riciclo, il mercato dell’usato, e la condivisione.

Chi ripara? Chi ritira l’usato? Chi ricicla i materiali esausti? Chi offre servizi di refill e di sharing? Per rispondere a queste, e altre, domande nasce a Milano la Mappa dei Giacimenti Urbani, la rete di tutte le attività virtuose cittadine.

MAPPA DEI GIACIMENTI URBANI

Che cos’è? Una mappatura dei servizi offerti da negozi, laboratori, associazioni, parrocchie e tutti i soggetti che si adoperano per la riduzione degli imballaggi e dei rifiuti attraverso la riparazione, il ritiro e il riciclo dei materiali a fine vita, il mercato dell’usato, l’uso di materiali biodegradabili o compostabili, la condivisione di oggetti o servizi.

LEGGI ANCHE: ScartOff, la bottega artigianale di riciclo creativo di tre giovani artigiani pugliesi

MANUTENZIONE E DISMISSIONE OGGETTI

La Mappa dei Giacimenti Urbani è un servizio rivolto ai cittadini per aiutarli nell’acquisto, la manutenzione e la dismissione degli oggetti di cui si circondano, ma è anche un modo per valorizzare chi ogni giorno offre un servizio alla città con il proprio lavoro.

SCOPRI DI PIÙ: Buoni spesa in cambio di rifiuti: ad Aversa è già attivo il secondo eco-point

COSA È UN GIACIMENTO URBANO

Nel dettaglio la mappa è uno strumento per sapere chi offre servizi di:

  •  riparazione, come laboratori di restauro, sartoria, tappezzeria, falegnameria, materassai, ma anche assistenza e ricambi elettrodomestici, ferramenta e mercerie;
  • riduzione degli imballaggi, come i negozi che lavorano sul principio della ricarica dei contenitori (ovvero che adottano politiche di eliminazione o riduzione degli imballaggi);
  • acquisto, ritiro (anche a domicilio) e vendita dell’usato (libri, abiti, mobili, televisori, telefoni, computer, stampanti, registratori…);
  • raccolta e eventuale rigenerazione di materiali giunti alla fine del loro ciclo di vita (cartucce per stampanti, toner, lampadine, pile, tappi di sughero etc.);
  • condivisione di attrezzi e macchine (banca degli oggetti, car sharing…);
  • trasformazione o riuso creativo degli scarti;
  • cessione gratuita o acquisto a prezzi scontati di alimenti in scadenza o di beni considerati obsoleti
  • doggy-bag e/o “acqua del sindaco” nei ristoranti.

LEGGI ANCHE: Come riciclare correttamente i rifiuti elettronici: i consigli del Consorzio Ecolight

PROGETTO GIACIMENTI URBANI

La Mappa di Giacimenti Urbani è un progetto di Donatella Pavan, nato in collaborazione con Cascina Cuccagna e presentato nel novembre 2013 a Giacimenti Urbani, la mostra-evento inserita nella Settimana Europea dei Rifiuti 2013. Partita in zona 4, la Mappa dei Giacimenti Urbani, promossa e sviluppata dall’Associazione Giacimenti Urbani, è ora rivolta a tutta la città, con il patrocinio del Comune di Milano e di Amsa.

Media partner di Nonsprecare.it, Bioecogeo, Greenplanner, Wired.
Sei interessato a saperne di più? Scrivi a info@giacimentiurbani.eu o visita il sito www.giacimentiurbani.euIl 6 giugno a Milano Recycle City, conferenza internazionale sul riciclo alla Fabbrica del Vapore, via Procaccini 4.

LE STORIE DI CHI LOTTA PER SALVARE L’AMBIENTE:

  1. Il pensionato Ulisse sulla spiaggia in Sardegna: blocca gli incivili e raccoglie i rifiuti (foto e video)
  2. Piantare e adottare gli alberi, l’ultima moda di cittadini che amano il verde. E fanno i giardinieri urbani (foto)
  3. Sigarette in spiaggia, così Paola ogni giorno raccoglie migliaia di cicche. Imitiamola!
  4. Il giornalaio più green d’Italia: la storia di Mauro Silenzi che con il suo comitato pianta centinaia di alberi a Porta Portese (foto)
  5. Maria Immacolata ha 75 anni e di mestiere fa la portatrice di bellezza. Le aiuole di Bari rinascono grazie ai suoi fiori
Shares