Questo sito contribuisce all'audience di

Il libro sospeso: spopola la catena dei volumi regalati ai detenuti. Il lavoro dei volontari di “Pane e vita”

Tutto è partito da Roma e Milano, ma arrivano adesioni da ogni regione italiana. Si entra in libreria, si acquista un volume, e si lascia un contributo per un altro libro che poi viene donato nelle carceri.

Condivisioni

LIBRO SOSPESO DETENUTI –

A Parma, i volontari dell’associazione “Pane e vita” la sera girano in camper per raccogliere libri in regalo, da donare poi agli homeless: solo l’anno scorso sono stati consegnati circa 6mila volumi. Un successo, e un aiuto concreto a persone che non riescono più a sognare.

Si allarga a macchia d’olio la catena del libro sospeso. L’obiettivo è quello di arricchire le biblioteche delle carceri, spesso molto misere, dove i detenuti chiedono di poter leggere qualcosa e non trovano testi. Come? Con un piccolo ma importante gesto di solidarietà.

LEGGI ANCHE: InGalera, il nuovo ristorante del carcere di Bollate in cui vi lavorano i detenuti

COME DONARE UN LIBRO A UN DETENUTO –

Chi vuole partecipare alla catena deve semplicemente lasciare un regalo, appunto un libro in sospeso, a chi sta scontando una pena detentiva in carcere. Il network è partito da Milano, con la libreria Il Mio Libro, e Roma, con la libreria Fanucci, ma sono arrivate adesioni da tutta Italia e dalle stesse case editrici.

Tra le ultime richieste di partecipazione anche una piccola libreria di Polla, in Campania, che intende donare i libri ricevuti al carcere minorile della zona. «La lettura può svolgere un ruolo molto importante per chi deve vivere rinchiuso per anni. Ti fa sentire meno solo e abbandonato, ti aiuta a creare relazioni, ed a vincere la terribile sensazione del tempo che non passa mai» racconta Massimiliano Timpano, della libreria Fanucci di piazza Madama a Roma. Quindi, se volete in qualche modo partecipare alla catena, dovete solo prendere contatti con le librerie che l’hanno lanciata a Roma ed a Milano ed entrare nel club “Un libro sospeso per i detenuti”.

PER APPROFONDIRE: Libri sospesi

LEGGI ANCHE: