Libreria Sopra La Penna - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Sopra La Penna: la mini-libreria di 5 metri quadrati arrampicata sui monti della Garfagnana

Un piccolo cottage di legno che basta appena a contenere tutti i volumi che la poetessa e proprietaria, Alba Donati, ha scelto personalmente per dare vitalità culturale al borgo di Lucignana. Una storia di sogni e ritorni, tra tazze di tè e posti fiabeschi

La storia che vi stiamo raccontando comincia con un incendio. O forse sarebbe meglio dire, ricomincia. Il fuoco è elemento spaventoso e magico, si sa: riduce tutto in cenere, ma illumina, e non è un caso che la fenice muoia e risorga proprio dalla sua stessa combustione. Così come la libreria Sopra La Penna, posto fiabesco in un paesino minuscolo arrampicato tra i monti della Garfagnana, andata a fuoco la mattina del 30 gennaio. Non un incendio doloso, le indagini sembrano aver escluso qualsiasi intervento esterno, come invece era accaduto pochi mesi prima alla libreria indipendente La Pecora Elettrica di Roma.
Più probabile un cortocircuito. Una piccola scintilla, e tutte le pagine dei volumi che erano esposti sugli scaffali sono andati, letteralmente in fumo. 

LEGGI ANCHE: La libreria dove i libri non hanno prezzo: si trova a Roma, e combatte lo spreco di carta e cultura

LIBRERIA SOPRA LA PENNA

Sopra la Penna, però, è un sogno, e i sogni non li ferma nemmeno il fuoco: in un battibaleno tutto il piccolo paese di Lucignana, piccola frazione del comune di Coreglia Antelminelli, si è unito in un abbraccio attorno alla libreria, centro culturale e punto di incontro di un’intera comunità. Il piccolo cottage andato a fuoco è stato sgomberato, pulito, sistemato, si sono recuperati i libri che era possibile recuperare, persino i bambini hanno aiutato a pulirli dalla polvere e dalla cenere. 

Il sogno della piccola libreria tra le montagne nei pressi di Lucca può continuare, anche con una raccolta fondi che ne ha consentito la ristrutturazione. E un gesto di solidarietà grande da parte delle case editrici, le quali hanno donato i libri necessari a rimpolpare gli scaffali.Apertura prevista per il 15 marzo, ma adesso rimandata a data da destinarsi vista l’emergenza Coronavirus. 

In realtà i 144 abitanti della frazione hanno accolto in modo entusiastico l’apertura della minuscola libreria, soli 5 metri quadrati ricavati una piccola casetta del borgo e circondata da un giardino, un gazebo e molti fiori. Nel 2018, infatti, quando la poetessa Alba Donati, consulente editoriale, presidente del Gabinetto Vieusseux di Firenze e fondatrice della scuola di scrittura Fenysia, ha deciso di dare vita a Sopra la penna, le 56 famiglie di Lucignana avevano contribuito all’apertura attraverso un primo crowdfunding, dai risultati straordinari. 10.500 euro per rimettere a nuovo il cottage, in legno, e arricchire, così, l’offerta culturale del borgo. La Donati si è occupata personalmente di scegliere i volumi da esporre, con particolare attenzione a romanzi scritti da donne, libri per bambini, classici e opere di scrittori e scrittrici originari di Lucca. 

Non solo lettura: in Sopra la penna chiunque può  degustare tè e tisane scegliendo tra quelli preferiti di autrici come Virginia Woolf. Rigorosamente in tazze di porcellana, circondati da libri di qualità, e, soprattutto un’atmosfera accogliente e familiare. 

libreria sopra la penna

PER APPROFONDIRE: I libri bruciano, la cultura re-esiste. La Pecora Elettrica, il caffè-libreria di Centocelle che era stato incendiato, riaprirà (foto)

PICCOLA LIBRERIA LUCIGNANA

Familiare, perché,  in effetti, quella di Alba Donati non è la solita storia di chi decide di lasciare la città per rifugiarsi nel borgo sui monti, ma piuttosto la storia di un ritorno, il viaggio a ritroso di chi conosce i luoghi e torna a scoprire le proprie radici. Sua madre, infatti, era originaria di Lucignana, e Alba ha deciso di far ripartire una nuova fase della sua vita proprio tra le casette in pietra del borgo. Non fermandosi: il suo sogno, ancora, prevede l’apertura di una libreria più grande con caffetteria e, addirittura, di una residenza per traduttori. Sicuramente la parte più difficile sarà reperire tutti i fondi necessari, ma lei scommette che la cittadinanza, non resterà indifferente davanti a  un progetto così originale che valorizzi il territorio e lo arricchisca. Di aria nuova, cultura, buoni libri, e della potenza dei sogni.

(Immagini tratte dalla pagina Facebook della libreria Sopra la Penna)

STORIE DI LIBRI E LIBRERIE:

 

 

Shares