Guppyfriend bag, la borsa che trattiene le microplastiche in lavatrice
Questo sito contribuisce all'audience di

Guppyfriend bag, la borsa che trattiene le microplastiche prodotte in lavatrice

Un progetto di marca tedesca che può aiutare a ridurre la produzione di questi micidiali materiali. La sua efficacia è stata testata da università americane e europee

Ultimo aggiornamento il 31.08.2021 alle 16:49

La lavatrice è una delle principali fonti di microplastiche che poi, puntualmente, finiscono a mare. Con enormi danni per l’ambiente e per la diversità. Immaginate una cittadina di 100mila abitanti: qui, ogni giorno, dagli scarichi delle lavatrici arrivano l’equivalente di 15mila borse contenenti microplastiche.

GUPPYFRIEND WASHING BAG

Una parte consistente delle microplastiche deriva dal lavaggio di indumenti in materiali sintetici, come il poliestere. Queste fibre, essendo estremamente piccole, non possono essere filtrate dalla lavatrice o dagli impianti fognari. Da qui la soluzione brevettata dall’azienda tedesca Lanbrette: una sacca, la Guppyfriend washing bag, per contenere gli indumenti in materiali sintetici che rilasciano, in sede di lavaggio, le micidiali microplastiche. Stiamo parlando di capi di abbigliamento che valgono circa il 60 per cento del settore, concentrati in particolare nell’area della moda a basso prezzo, e anche a bassa qualità.

LEGGI ANCHE: Grycle, un piccolo robot che divora il 90 per cento dei rifiuti indifferenziati. E li trasforma in materia prima

COME FUNZIONA LA GUPPYFRIEND BAG

La Guppyfriend è una borsa composta da un materiale brevettato, la poliammide 6.6, che grazie alla sua maglia fitta e la sua robustezza riesce a trattenere le microplastiche, prima che vengano rilasciate nella lavatrice. La sua efficacia è stata testata da vari istituti scientifici, tra cui il DTNW, il Fraunhofer Institute UMSICHT e la University of California a Santa Barbara.

Il suo funzionamento è molto semplice: si inseriscono i vestiti di materiali sintetici al suo interno, si chiude e si mette in lavatrice. All’interno della lavatrice si possono poi aggiungere altri capi in fibra naturale e avviare un programma ad un massimo di 40°.  Terminato il lavaggio, bisogna rimuovere i capi dalla washing bag finché sono ancora bagnati e raccogliere a mano le microfibre incastrate negli angoli. È importante sottolineare che le microplastiche non sono riciclabili e quindi andranno smaltite nell’indifferenziata. La sacca è garantita per cinque anni, anche se questa durata dipende ovviamente dal numero medio dei lavaggi settimanali.

La Guppyfriend bag è un’innovazione semplice ed efficace per limitare i danni dovuti alle ingenti quantità di plastica che ci accompagnano nella vita quotidiana. Tuttavia, bisogna sempre ricordare che la tecnologia non può essere l’unico modo per affrontare questo problema: bisogna innanzitutto regolamentare e limitare all’essenziale l’utilizzo di questo dannoso materiale. Ed evitare di disperderlo a mare.

La foto è tratta dal sito Guppyfriend.

“Guppyfriend” è candidato al Premio Non Sprecare 2021, nella sezione “Aziende”. Per candidare i vostri progetti, seguite le istruzioni fornite qui.

ALCUNI DEI CANDIDATI AL PREMIO NON SPRECARE 2021:

Share

<