Questo sito contribuisce all'audience di

Giovanni, foggiano, laureato a Torino. A piedi per 1300 chilometri per decidere cosa fare del suo futuro (video)

Il gesto simbolico di un ragazzo del Sud che, dopo aver studiato al Politecnico, ha deciso di tornare a casa a piedi per poter scoprire le bellezze d'Italia e ragionare in libertà su quello che vuole realmente dalla vita

Condivisioni

GIOVANI ALLA RICERCA DI LAVORO

Milletrecento chilometri a piedi in cerca di ispirazione. Un ragazzo foggiano di 26 anni, Giovanni Forcelli, una volta terminata l’università ha deciso di intraprendere un lungo viaggio, da Torino a Foggia, sua città natale, per “scoprire più a fondo l’Italia”. Le fatiche di questo lungo peregrinare le ha raccontate in un diario digitale, postato sulla pagina Facebook intitolata Back to my home, Ritorno a casa mia. Un modo per intrappolare i ricordi di un’esperienza indimenticabile e per dare forma ai pensieri. Così pian piano Foggia da destinazione è diventata “punto di partenza, il luogo sicuro dove poter decidere che cosa fare del mio futuro”.

LEGGI ANCHE: Bocciata come custode a Catania, da anni insegna ad Harvard: l’incredibile storia di Sabina

LAVORO AL SUD

Innanzitutto facciamo i complimenti a Giovanni: che ha deciso di prendersi del tempo per riflettere e per scoprire il nostro bel Paese prima di immergersi nel mondo del lavoro. Il viaggio infatti è stato anche un modo per sentire nelle gambe l’enorme distanza che l’ha diviso da casa per molti anni. Anni e sacrifici che, però, gli hanno permesso di laurearsi in una facoltà molto dura, e anche molto accreditata sul piano internazionale: il Politecnico di Torino. Grazie a questo risultato, oggi, può guardare al mondo del lavoro con la speranza di trovare un’occupazione che davvero lo gratifichi. Ragione per la quale ha deciso di mettersi a caminare, dando libero sfogo ai pensieri: “Il mio desiderio era quello di capire cosa volessi realmente nella mia vita. Proprio per questo ho voluto prendere del tempo per non buttarmi in scelte troppo avventate”.

DISOCCUPAZIONE GIOVANILE MEZZOGIORNO

Adesso Giovanni dovrà decidere se rimanere a casa o andare all’estero alla ricerca di una gratificazione che spesso in Italia è difficile trovare, specialmente nelle regioni del Sud. A noi non resta che augurargli di fare la scelta giusta, sicuri che i 1300 chilometri percorsi tra le bellezze d’Italia, potendo dare libero sfogo ai pensieri, saranno stati sicuramente di ispirazione.  

Le foto sono stratte dalla pagina Facebook Ritorno a casa – Back to my home

STORIE DI GIOVANI CORAGGIOSI