Facelia per api - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Progetto salva api, i coltivatori di mais piantano la facelia (foto). E gli sciami tornano

Il progetto è partito in Emilia, e andrà avanti fino alla fine di luglio. Sono 150 le api che si possono nutrire, contemporaneamente, di una sola facelia. Un fiore molto bello, di colore viola, e magico per la vita degli sciami.

FACELIA PER API –

Per la prima volta gli agricoltori italiani hanno aderito, convinti e uniti, a un progetto comune per fermare la strage delle api. Ovvero un fenomeno che sta danneggiando seriamente il nostro equilibrio ambientale, la biodiversità e la stessa produzione agricola.

LEGGI ANCHE: Cosa succederebbe se sparissero le api? Le conseguenze sulla produzione alimentare

IL PROGETTO PER SALVARE LE API –

Siamo in Emilia, nella campagna di San Lazzaro di Savena, e da qui è partito un progetto, sponsorizzato dalla Coldiretti che, auguriamoci, potrebbe espandersi anche in altre zone agricole italiane. Il piano è semplice e chiaro. La Sis (Società italiana sementi), controllata dai Consorzi agrari, regala a tutti i coltivatori di mais una partita di semi di facelia, un fiore di colore viola che può essere decisivo nella lotta contro l’estinzione delle api.

I BENEFICI DELLA FACELIA PER LE API –

La facelia, infatti, è una pianta molto nutriente per le api: 150 di loro si possono cibare contemporaneamente di una sola facelia. Con un effetto positivo sulla qualità e sulla quantità del miele che poi si ricava. Tra l’altro, parliamo di una pianta davvero emozionante per la bellezza dei suoi fiori, un viola intenso e forte.

Tornando all’accordo con i produttori di mais, in cambio dei semi ricevuti gratuitamente, i coltivatori si impegnano a destinare un ettaro su dieci alla coltivazione della facelia. Il progetto è partito alla fine di maggio, quando la facelia inizia a fiorire (e poi va avanti fino a tutto luglio) e i risultati già si vedono: nei campi emiliani tornano gli sciami di api.

Infine, nel piano salva api non si spreca davvero nulla. Quando la facelia si esaurirà, allora si userà come sovescio, ovvero come concime naturale, al posto dei prodotti chimici. E anche questo è uno straordinario risultato da nuova economia circolare.

LE BELLISSIME IMMAGINI DELLA FACELIA, UNA PIANTA FONDAMENTALE PER SALVARE LE API:

PER APPROFONDIRE: Flow Hive, l’arnia che permette di prelevare il miele alla spina e senza disturbare le api

Shares