I cuochi ricicloni - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

I cuochi ricicloni: il manuale di ricette sostenibili da giocare in cucina

I cuochi ricicloni è un'iniziativa che coinvolge facilmente i piccoli fruitori e consiste in un prodotto editoriale didattico a cui viene affiancato un percorso laboratoriale. Il libro contiene un set completo di ricette - dagli antipasti ai dolci - atto a promuovere i principi di una corretta alimentazione attraverso suggerimenti nutrizionali e consigli contro lo spreco alimentare.

di Posted on
Condivisioni

I CUOCHI RICICLONI –

Il manuale “I cuochi ricicloni” tratta con grafica e linguaggio vicini ai più piccoli questioni inerenti la sostenibilità alimentare. I valori nutrizionali degli alimenti e i procedimenti per cucinare, impiattare e conservare i cibi sono accompagnati da tavole da colorare, tagliare e comporre con l’obiettivo di coniugare l’esperienza ludica all’apprendimento. Il progetto, pensato e realizzato dall’associazione “ComeUnaMarea” è un valido supporto educativo e un elemento didaditto complementare utilizzabile sia nelle scuole che in altre realtà di aggregazione.

I-cuochi-ricicloniLEGGI ANCHE: No a patatine e merendine a scuola, una proposta di legge per un’alimentazione sana

L’ASSOCIAZIONE COMEUNAMAREA ONLUS –

Sin dal 2005, anno della sua costituzione, l’Associazione no profit “ComeUnaMarea” si impegna in diversi settori con la finalità di promuovere lo studio, la valorizzazione e la divulgazione del patrimonio culturale, naturalistico, artistico ed etnoantropologico del territorio siciliano. ComeUnaMarea Onlus ha instaurato collaborazioni con la Regione Siciliana nei settori dei Beni Culturali, Turismo e Cooperazione, unitamente alle iniziative in partnership con la Città Metropolitana di Palermo Grazie a questa realtà, si sono condotte e realizzate diverse campagne di volontariato per esempio sulla salvaguardia dei diritti mani e delle pari opportunità. La promozione della sostenibilità è un tema che tocca da vicino “ComeUnaMarea” Onlus, come dimostrato dalle campagne Unesco per lo sviluppo sostenibile e la partecipazione alla SERR – Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, per la quale si è sviluppato il concept pilota che prenderà poi la forma del progetto I Cuochi Ricicloni. L’Associazione è quindi attiva anche nel settore della sensibilizzazione  e dell’educazione non-formale, e intende promuovere un modello di sviluppo compatibile con le esigenze di tutela dell’ambiente e di salvaguardia delle risorse.

I-cuochi-ricicloni-2

RICETTE SOSTENIBILI DA GIOCARE IN CUCINA –

Alla prima formulazione presentata in occasione della SERR, è seguito un ampliamento dell’elaborato, fino alla produzione di un manuale creativo facile da consultare e contenente informazioni ultili tanto sulla stagionalità degli alimenti che sulla dieta mediterranea, fino ai consigli contro lo spreco di alimenti. La serietà dei contenuti è accompagnata da una grafica e un linguaggio vicini ai più piccoli, così che essi possano apprendere attraverso l’esperienza ludica e intraprendere un percorso che li portarà a sviluppare un ruolo proattivo e creativo non solo in cucina ma anche nella società. A guidare i piccoli cuochi c’è il “Cuocidizionario”, una sezione iniziale che spiega parole e procedimenti; a seguire un calendario sulla stagionalità di frutta e verdura realizzato con una grafica facilmente riproducibile dai bambini per sviluppare la loro manualità. Nella sezione “La salute vien mangiando” vengono trattati i valori nutrizionali degli alimenti, fino ad arrivare alla sezione in cui si illustrano le fasi per cucinare, impiattare e conservare i cibi. Nella parte finale, a conclusione del percorso, ci sono delle tavole da colorare, tagliare e comporre.

I-cuochi-ricicloni-3L’idea di usare questo materiale per dar inizio ad un percorso formativo e laboratoriale ha riscosso subito successo in diverse scuole palermitane, tanto da essere selezionato come elemento complementare dell’educazione alle scienze in alcuni istituti comprensivi della città. Anche altri enti locali e strutture educative hanno colto le potenzialità del progetto, che può essere replicato e adattato a seconda delle fasce d’età, d’età. Pur avendo un target di riferimento che va dai 6 ai 14 anni infatti, il manuale si presta a diventare strumento di aggregazione intergenerazionale, strutturando una maggiore consapevolezza sulle buone pratiche alimentari.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2016 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

PER APPROFONDIRE: Le regole per la corretta alimentazione dei bambini