Questo sito contribuisce all'audience di

Record di buone azioni: Congresbury è il borgo più gentile d’Europa

Dire a qualcuno che gli vuoi bene e che per te è speciale, andare a fare compagnia a un malato solo in casa, verniciare di fresco una panchina pubblica arrugginita sono alcune delle buone azioni che hanno fatto degli abitanti di un borgo britannico "i campioni della gentilezza". In Italia ne saremmo capaci?

Condivisioni

CONGRESBURY –

Nella contea del Somerset, a venti minuti in macchina da Bristol, c’è Congresbury, 3.500 anime e un titolo prestigioso: è questo il “villaggio più gentile d’Europa“. Come hanno fatto i suoi abitanti ad aggiudicarsi tanta onirificenza? Tutto risale allo scorso gennaio, in occasione dell’800centesimo anniversario della minuscola chiesa anglicana locale, St. Andrews. Hanno deciso di compiere, per un anno intero, almeno 800 atti di “gentilezza gratuita”, da scrivere e custodire ciascuno in un bigliettino dentro una cassetta della sacrestia. Ed ecco che i 3500 abitanti sono balzati sulle pagine di cronaca e in tv, con servizi della Bbc, e articoli su Times, Guardian, Daily Mail. Cos’hanno fatto di così tanto speciale? In fondo nulla: hanno compiuto semplici gesti buoni, quotidiani, gentili. Eccone 10, che vi proponiamo, simpaticamente e un po’provocatoriamente, per ricordarvi che se tutti applicassimo regole simili, non solo in un borgo come Congresbury, ma anche nelle grandi città, vivremmo sicuramente meglio.

  1. Dire a qualcuno che gli vuoi bene e che per te è speciale
  2. Andare a fare compagnia a un malato solo in casa
  3. Verniciare di fresco una panchina pubblica arrugginita
  4. Regalare il tuo biglietto per la prima di “Guerre stellari” a un bambino
  5. Raccogliere i rifiuti abbandonati per strada
  6. Donare un vecchio cappotto e un maglione a un senzatetto
  7. Portare i sacchetti della spesa del supermercato a un anziano
  8. Lavare la macchina al tuo vicino di casa
  9. Aiutare qualcuno che è caduto a rialzarsi da terra
  10. Offrire un caffè a chi è in coda al bar dietro di te

VILLAGGIO DELLA GENTILEZZA –

«Non l’abbiamo fatto per diventare famosi », ha commentato Becky North, promotrice dell’iniziativa, «non ci aspettavamo tanta notorietà per così poco». Ora su un poster attaccato a una colonna dell’antica chiesetta, un grafico mostra che le buone azioni non si sono certo fermate e sono già arrivate a quota 859.

LEGGI ANCHE: L’elogio della gentilezza, essere educati fa bene alla salute

RECORD DI BUONE AZIONI –

Il bello è che un villaggio così esiste davvero, anche se sembra venuto fuori dalle pagine di una fiaba. Chi è che oggi fa a gara per essere il più gentile? E se provassimo a lanciare una sfida del genere in una delle nostre città italiane cosa succederebbe?