Questo sito contribuisce all'audience di

Scambio di lavoro sul web: è nato un gruppo su Facebook

Già quasi 5mila iscritti alla piattaforma creata da una ex docente dell’università di Napoli. I lavori più richiesti? La consulenza legale, contabile e finanziaria. Ma anche fotografia, lezioni di chitarra, cucina. E assistenza ai malati.

Condivisioni

CONDIVIDERE LE COMPETENZE SUL WEB –

Voi scambiare una consulenza legale in cambio di un lavoro idraulico in casa? Oppure il rammendo di un abito con la riparazione di un elettrodomestico?  Da adesso puoi farlo iscrivendoti sul web al gruppo Quelli che si scambiano il lavoro su Facebook. Tutto gratis, tutto senza tirare fuori un euro, e solo con un meccanismo di pura condivisione.

LEGGI ANCHE: Fb for children, su Facebook il gruppo per aiutare i bambini in difficoltà

IL GRUPPO FACEBOOK “QUELLI CHE SI SCAMBIANO IL LAVORO” –

Il funzionamento del gruppo è molto semplice. Una volta iscritto, l’utente segna l’area geografica di riferimento, spiega che cosa è in grado di offrire e che cosa desidera in cambio. Poi iniziano le offerte e le proposte, fino a quando non viene formalizzato il baratto. Sono già quasi 5mila gli iscritti a Quelli che si scambiano il lavoro, una forma molto artigianale ma molto efficace di nuova economia circolare. Dove nulla si spreca, ma tutto si può tranquillamente condividere.

L’idea della piattaforma è venuta a Margherita Lanna, ingegnere, ex docente all’università di Napoli, che ha iniziato con una sua proposta sul territorio campano. Aveva bisogno di un condizionatore da installare in casa e in cambio offriva compagnia a un malato in ospedale.

I LAVORI PIÚ RICHIESTI –

Quali sono i lavori più scambiati? Innanzitutto è molto richiesto il settore della consulenza, legale, finanziaria e contabile. Al secondo posto compaiono proprio le competenze sul web, compresa la grafica. E ancora: fotografia, giornalismo, cucina, lezioni di chitarra, conversazioni in inglese. E assistenza alle persone anziane.

PER APPROFONDIRE: Colonnine elettriche, su facebook il gruppo che segnala gli abusi