Come salvare le barriere coralline | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

La zattera della salvezza naviga verso l’Australia. Grande come un’isola di pietra pomice: soccorre coralli e animali marini

Un fenomeno incredibile: dall'eruzione sottomarina di un vulcano è nata una specie di isola, con una superficie pari a 20mila campi di calcio, che si sta spostando verso la Grande barriera corallina australiana. E raccoglie coralli, alghe e animali marini

di Posted on
Condivisioni

Ormai è battezzata come la zattera o anche l’isola della salvezza. Una gigantesca zattera, con una superficie pari a 20mila campi di calcio (150 chilometri quadrati), che potrebbe dare un aiuto enorme all’ambiente marino nell’Oceano Pacifico e mettere in sicurezza la barriera corallina australiana.

COME SALVARE LE BARRIERE CORALLINE

Sembra un film, tra fantascienza e lieto fine, è invece è una storia vera. Iniziata con l’eruzione sottomarina di un vulcano al largo dell’isola di Tonga: da qui, la natura ha regalato la maxi zattera fatta di pietra vulcanica (in realtà pietra pomice), porosa, resistente, leggera e in grado di galleggiare sull’acqua. Come un’isola magica, che aiuta ad evitare lo spreco marino e raccoglie, come un mezzo di trasporto, organismi marini.

LEGGI ANCHE: Mediterraneo sempre più bollente, danni per coralli e spugne. E aumenta il rischio di allagamenti sulle coste

COME SALVARE LA GRANDE BARRIERA CORALLINA AUSTRALIANA

Due velisti, Michael Haoul e Larissa Brill, hanno avvistato l’isola della salvezza dal loro catamarano, ROAM, durante la navigazione in questa zona dell’Oceano Pacifico, e la scoperta è stata poi confermata dalle immagini dei satelliti.

Ma dove sta il miracolo super sostenibile dei movimenti della maxi zattera? Semplice: si sta lentamente spostando in direzione della Grande barriera corallina australiana, dove arriverà in un arco di tempo previsto attorno ai sette mesi e dove porterà nuovi coralli, alghe e animali marini. Tutti trasportati dall’isola in pietra pomice. Tutti, auguriamoci, in grado di dare una mano nell’area della Grande barriera corallina rispetto ai danni causati dal surriscaldamento climatico.

(Photo credit immagine di copertina: Nasa Earth Observatory)

I RISCHI A CUI ANDIAMO INCONTRO A CAUSA DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI: