Certificazione energetica: solo la metà delle case degli italiani sono in regola | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Certificazione energetica: solo la metà delle case degli italiani sono in regola

La certificazione energetica è legge dello Stato da circa un anno, ma soltanto la metà degli edifici degli italiani (esattamente il 53 per cento) risultano in regola con la documentazione. E la percentuale scende al 37 per cento se si prendono in considerazione gli appartamenti in affitto.

LEGGI ANCHE: No agli sprechi di luce, a Parigi negozi spenti nella notte

La certificazione ha due obiettivi: incentivare l’introduzione di impianti a basso consumo e ridurre così gli sprechi energetici e fare chiarezza sul mercato immobiliare. Infatti, in base alla certificazione l’immobile viene collocato in una specifica classe di merito (dalla A alla G) e appartenendo alla prima il valore della casa può aumentare fino a un terzo del suo prezzo base.

Infine, non bisogna mai dimenticare che il 35 per cento dell’inquinamento in Italia è dovuto proprio all’obsolescenza energetica degli impianti di riscaldamento e di raffreddamento nel settore dell’edilizia privata.

Abbiamo case sprecone ed energivore, e metterle in regola conviene a tutti.

Shares

LEGGI ANCHE: