Casa della Carità Milano - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Casa della Carità: la porta aperta su Milano per combattere la cultura dello spreco. Anche con la pandemia

Un posto di accoglienza e cura che non si è mai fermato, nemmeno nei tempi duri dell'emergenza sanitaria. Con le visite mediche, le telefonate agli anziani, le sedute di arteterapia, i pacchi di viveri e il centro ascolto. Così come con il guardaroba solidale o lo sportello legale

Un’istituzione del mondo della solidarietà, una porta aperta sulla città e per la città, in particolare per i suoi ultimi. La Casa della carità “Angelo Abriani” è il cuore pulsante di una rete di progetti e di iniziative basate sulla cittadinanza attiva, la solidarietà, l’accoglienza e le nuove possibilità. Non si è mai fermata, nemmeno durante la pandemia, e il bilancio del 2019 è  pieno di speranza. Perché la Casa della Carità punta non solo ad accogliere e ad aiutare nell’immediato ma ad offrire una casa, un sostegno continuativo e un’altra opportunità.

LEGGI ANCHE: I Bagni Pubblici di Via Agliè: a Torino c’è una casa di quartiere in cui nessuno è straniero

CASA DELLA CARITÀ MILANO

Nel 2019, la Casa ha aiutato 6.808 persone in difficoltà, ne ha ospitate 552 e ha promosso 163 iniziative culturali, coinvolgendo 5.230 persone, grazie al sostegno di 22.569 donatori, all’impegno di 103 volontari e alla professionalità di 110 tra dipendenti e collaboratori. La maggior parte delle iniziative e dei progetti sono state finanziate da donatori, enti e aziende, risultando così gratuite per chi ne usufruisce. Inaugurata il 24 novembre 2004 in una ex scuola del quartiere Crescenzago, messa a disposizione dal Comune di Milano e ristrutturata grazie a un lascito dell’imprenditore Angelo Abriani, ogni giorno si prende cura di centinaia di persone in difficoltà: famiglie senza casa, giovani migranti, mamme con bambini e persone con problemi di salute mentale.

La porta, per chiunque viva una condizione di disagio, è sempre aperta, ma non si creda che l’operato della Casa si fermi alla “semplice” carità di tipo emergenziale, anzi. Gli ospiti della struttura vengono assistiti sul piano sanitario e della tutela dei diritti, aiutati a trovare un lavoro e una casa, e da lì si parte per promuovere percordi di autonomia, dimostrando che le persone che spesso consideriamo ai margini della nostra società, possono diventare motore di sviluppo per la comunità intera. Niente assistenzialismo, dunque, ma progetti perfettamente integrati nel territorio in cui si inseriscono, che spesso sono quartieri considerati difficili.

casa della carità milano

PER APPROFONDIRE: A Tivoli la Taverna di Dracula si trasforma in mensa per indigenti. Una lezione di solidarietà

FONDAZIONE CASA DELLA CARITÀ ANGELO ABRIANI

Questa esperienza di casa dell’accoglienza è basata su due pilastri cardine: contrastare quella che Papa Francesco definisce cultura dello scarto, che  danneggia le persone e l’ambiente, e prendersi cura di chi è escluso, cosa che genera benessere, sicurezza e coesione sociale, per tutti. Durante la pandemia, nel 2020, la Fondazione Casa della Carità, pensata e istituita nel 2002 dal Cardinale Carlo Maria Martini, ha compiuto 18 anni, cercando di rafforzare i servizi per gli ultimi: le docce, i pasti distribuiti, pur dopo un periodo di chiusura temporanea per permettere di riorganizzare le attività in modo sicuro e tutelare gli ospiti e gli operatori.

“La pandemia non è democratica, la stanno patendo i più fragili e deboli”, aveva spiegato il presidente della fondazione, Don Virginio Colmegna, intervistato da Mianews in pieno lockdown. Per questo, non si sono fatti sconfiggere dal virus e hanno deciso di continuare a offrire accoglienza e solidarietà. In primis,  riorganizzando gli spazi con appositi luoghi d’isolamento e investendo su un ampliamento del personale, anche sanitario. Così, molti ospiti sono rimasti, per alcuni si sono trovate soluzioni più adatte e altri ancora sono stati accuratamente seguiti quando si sono ammalati, per fortuna non in modo grave. Nei mesi terribili dell’emergenza sanitaria, è stato possibile proseguire, con le dovute accortezze, il centro d’ascolto, il guardaroba e lo sportello di tutela legale, aprendoli su appuntamento, e così anche gli operatori della Casa della Carità hanno continuato a stare accanto alle persone che seguono sul territorio, di persona con i dispositivi di protezione e con tutte le precauzioni del caso e, poi, con metodi nuovi: con telefonate agli anziani del quartiere ogni giorno, la lettura al telefono, con sessioni di arteterapia in videochiamata e anche, e soprattutto, con la consegna di generi alimentari alle famiglie che vivono negli appartamenti della Fondazione in condizione di difficoltà.

Per donare, si può visitare questa pagina.

(Immagine in evidenza e a corredo del testo tratta dalla pagina Facebook della Casa della Carità)

STORIE DI SOLIDARIETÀ:

Share