Questo sito contribuisce all'audience di

Capsula mundi, quando morire fa crescere un albero

Una capsula biodegradabile, che contiene il defunto o le sue ceneri, che viene sotterrata e sopra cui viene piantato un albero, che amici e familiari devono curare. Un modo diverso di concepire il trapasso in un continuum tra vita e morte. Al momento, il progetto italiano è in fase di fase di start up

Condivisioni

CAPSULA MUNDI –

Un modo approccio al tema della morte: è Capsula Mundi, un contenitore a forma ovoidale, realizzato con materiale biodegradabile. Lì dentro viene deposto il corpo del defunto, in posizione fetale, oppure le sue ceneri. A quel punto la capsula viene sotterrata, “come un seme nella terra”. Sopra, viene piantato un albero, scelto dal defunto prima di morire, che verrà curato dai suoi familiari e dagli amici. Una sorta di eredità per i posteri, che contribuisce anche al futuro del Pianeta in una sorta di ciclo infinito che è quello della vita e della morte.

L’idea, dei designer Anna Citelli e Raoul Bretzel, è dunque quella di cambiare radicalmente la fisionomia di ogni cimitero: non più lapidi di pietra, ma boschi verdi e vivi.

LEGGI ANCHE: Riflettere sulla morte per amare la vita

Un modo per ridurre anche l’impatto ambientale della morte: per produrre una bara oggi, si abbatte un albero ad alto fusto, spesso pregiato. Un albero che, in media, ha impiegato dai 10 ai 40 anni per crescere e il cui utilizzo sarà di soli tre giorni. In più, con tutte le vernici e le colle che vengono apposte sul legno, la sua degradazione risulta ancora più difficile e, a volte, anche inquinante per il terreno.

Al momento, il progetto è ancora in una fase embrionale, quindi non esistono ancora né i costi, né il prezzo, ma si sta lavorando per renderlo possibile anche nel nostro Paese. Al momento, infatti, in Italia, questo tipo di sepoltura non è permesso. “L’attuale normativa cimiteriale (che si riconduce al “Regio Decreto” del 1934) non consente le inumazioni ‘verdi’ come Capsula Mundi – si legge sul sito –. I ‘cimiteri verdi’ sono invece diffusi da tempo nei paesi di cultura anglosassone”.