Banchi sprecati | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Banchi sprecati, in tutta Italia i cimiteri delle attrezzature sostituite dai monoposto

Ammassati nelle palestre. Abbandonati in qualche capannone. Nessuno li smaltisce: 220mila solo in Sicilia. Ma non si potevano riadattare i vecchi banchi?

Ammassati nelle palestre, temporaneamente chiuse per Covid-19. Gettati in qualche deposito, piazzati a marcire all’aperto. Abbandonati nei capannoni di ex aree industriali e perfino in qualche caserma.

BANCHI SPRECATI

Lo spreco dei banchi delle scuole sostituiti in tutta fretta per consentire l’arrivo dei monoposto, con relativa fornitura, non ha freni. E si contagia in tutta Italia, da Bologna (dove un bravo fotografo, Michele Lapini, ha scattato le immagini-simbolo dello scandalo) alla Sicilia.

Proprio nell’isola dove gli sprechi sono di casa e ovunque, la regione ha contato 220mila banchi da smaltire. Mentre in alcune scuole siciliane non sono neanche arrivati quelli nuovi. Che farne? Si tratta di un’operazione complicata, che nessuno ha pensato di organizzare e per il momento i vecchi banchi sono tutti parcheggiati nei cimiteri attrezzati per la nuova emergenza.

BANCHI SCOLASTICI SPRECATI

A Roma si calcola che ci sono 500 banchi per ogni scuola da eliminare e anche in questo caso non esistono punti di riferimento e format per procedere con lo smaltimento di rifiuti molto ingombranti.

COSA FARE CON I BANCHI INUTILIZZATI

Come al solito, abbiamo fatto le cose all’italiana. Tutti a correre sotto l’affanno dell’emergenza, per bruciare i tempi. E nessuno a pensare, a programmare, il dopo. Eppure non sarebbe stato difficile individuare una rete di associazioni, nell’universo del volontariato, in grado di recuperare i banchi e poi rimetterli nel circuito dell’assistenza ai paesi poveri. Ci sono centinaia di scuole in Africa che funzionano grazie alle donazioni e agli aiuti dei volontari italiani. Non si poteva immaginare un percorso per evitare l’effetto cimitero già al momento di aggiudicare i bandi per l’acquisto dei nuovi banchi?

SPRECO DI BANCHI IN ITALIA

L’altra cosa incredibile è che questo spreco si poteva evitare anche con un enorme risparmio. Come? Semplicemente imitando una scuola di Roma, l’Istituto comprensivo Elisa Scala, che dal primo momento non ha richiesto i nuovi banchi, ma ha semplicemente riadattato quelli vecchi, diventati dei monoposto. A questa scuola, dove la spesa è stata dimezzata, non a caso è stato assegnato il Premio Non sprecare edizione 2020. E all’Istituto Scala non ci sono banchi da smaltire o da fare marcire in attesa che qualcuno li recuperi.

(L’immagine di copertina è del fotogiornalista Michele Lapini. Fonte: Facebook

LE SCUOLE CHE CI PIACCIONO:

  1. Asili nel bosco, una rivoluzione per i bambini nelle scuole. I migliori in giro per l’Italia (Foto)
  2. Montessori, il modello educativo che mette al centro la libertà dei bambini
  3. A Vasto la scuola batte il Covid: le lezioni si fanno vista mare
Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?