Progetto “InSabbiaMenti”, scuola in riva al mare a Vasto - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

A Vasto la scuola batte il Covid: le lezioni si fanno vista mare

La cittadina abruzzese aderisce al progetto “InSabbiaMenti”. Uno scenario inedito per imparare in sicurezza e sotto il sole

Spiaggia, libri e mare azzurro cielo. A Vasto non serve più aspettare l’ultimo giorno di scuola per poter rimettere i piedi sulla sabbia. I banchi e le sedie dell’Istituto Madonna dell’Asilo si sono trasferiti sui lidi della piccola cittadina abruzzese per sconfiggere il Covid e mantenere le misure di sicurezza adeguate. A dare il suono della prima campanella, dopo sei mesi di stop della scuola a causa della pandemia, è stato lo stesso sindaco Francesco Menna: “Un contributo per garantire agli istituti di Vasto di svolgere le attività didattiche in sicurezza, quando si ha carenze di aule per il rispetto del distanziamento sociale. Le lezioni sono all’aperto, prevalentemente sulla spiaggia, laddove le condizioni meteorologiche lo consentano”.

SCUOLA IN RIVA AL MARE

Le lezioni in riva al mare fanno parte del progetto “InSabbiaMenti”, iniziativa del Consorzio “Vivere Vasto Marina”, al quale hanno aderito i due stabilimenti balneari Da Mimì e Trabocco Cungarelle. Per il momento sono stati loro a ospitare i piccoli alunni della scuola primaria (una quarta e una quinta), ma l’iniziativa ha già attratto numerosi lidi e strutture commerciali della cittadina e, forte degli apprezzamenti della Ministra Azzolina, sarà ripetuta nei luoghi più suggestivi del litorale, consentendo così ai bambini di studiare in modo più spensierato. “Abbiamo dato disponibilità a tutti i dirigenti scolastici del comune – ha raccontato Pier Giorgio Molino, presidente del Consorzio – per poterne usufruire ancora. Accesso ad ampi spazi e servizi a disposizione, meteo permettendo”.

LEGGI ANCHE: Per fare la plastica ci vuole il latte. È l’invenzione di un team di giovani ricercatrici di Roma

SCUOLA ALL’APERTO COVID

Da Nord a Sud, in tutto lo Stivale l’emergenza sanitaria ha tolto il respiro al vero polmone di una società che vuole crescere e cambiare: la scuola. I disagi si sono profilati fin dall’inizio, ma le soluzioni troppo sul finale e in maniera arrangiata. Se c’è però una cosa che sicuramente il coronavirus ha insegnato a molti è di rimboccarsi le maniche e spremersi le meningi, guardare da una prospettiva nuova, per permettere soprattutto ai più piccoli di tornare a imparare. Così, le pareti di cemento sono svanite, il soffitto smaterializzato, gli spazi allargati. Ora gli occhi possono spaziare, la mente rilassarsi e trarre ispirazione dalle bellezze della natura.

ISTITUTO MADONNA DELL’ASILO VASTO

Una bellissima iniziativa che avremo modo di ripetere con il bel tempo, perchè garantisce ai bambini di apprendere nel rispetto delle norme di sicurezza e attraverso la valorizzazione del territorio di appartenenza”. Con queste parole, il sindaco Venna tocca un aspetto importante: il progetto promuove infatti, in un programma di didattica attiva, anche la riscoperta delle aree litoranee della regione, che vanta 17 km di costa.

Sicuramente un avvio dell’anno diverso quanto speciale, chi si sarebbe mai aspettato una classe con vista mare e qualche gazebo a fare da tetto?

La foto è tratta dalla pagina Facebook della Scuola Madonna dell’Asilo.

Il progetto InSabbiaMenti è in concorso per l’edizione 2020 del Premio Non Sprecare. Per candidare i vostri progetti, seguite le istruzioni fornite qui. 

PREMIO NON SPRECARE 2020:

Share