Battelli zero emissioni Amsterdam - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Amsterdam: entro il 2025 tutti i battelli saranno a emissioni zero. Contro il climate change

La decisione della sindaca verde Femke Hanselma è parte di un piano per rendere la città completamente green ed eco-sostenibile. Tutti i 550 battelli che si muovono nei canali dovranno dotarsi di batterie al litio ricaricabili in apposite colonnine lungo il percorso

Amsterdam, la Venezia del Nord. Costruita su una rete di canali lunga più di cento chilometri, tanto che sono diventati immagine iconica della capitale dei Paesi Bassi. Il milione di abitanti della metropoli olandese, città natale del filosofo Spinoza, si sposta lungo i canali da una parte all’altra della città, stipati in una flotta di circa 550 battelli a uso di mobilità e commerciale. 

LEGGI ANCHE: Venezia: nei canali i vaporetti diventano green e si muovono con olio da cucina esausto

BATTELLI ZERO EMISSIONI AMSTERDAM

Senza contare i turisti: con il loro afflusso si raggiunge un totale di quattro milioni l’anno di persone che utilizzano i battelli, allineandosi con una scelta strategica della città che ha deciso di puntare sulla navigazione come principale attrazione turistica, con la flotta in funzione anche 14 ore al giorno. Molti dei natanti sono i classici battelli storici con pannelli di legno, ma l’aspetto non ci deve ingannare: già il 75 per cento delle imbarcazioni sono a trazione elettrica, classificati ad emissioni zero. Battelli turistici da cartolina, in legno e ottone, ma con un’anima hi-tech: 66 batterie al litio allineate sotto la chiglia che vanno ad alimentare il motore elettrico. 

Ma c’è di più: entro il 2025 l’amministrazione della città di Amsterdam ha deciso di forzare la conversione di tutta la flotta natante in battelli elettrici a impatto zero, andando in direzione dell’abbandono di modelli ecologicamente impattanti e dell’abbattimento delle emissioni nell’atmosfera, con lo scopo di contribuire efficacemente alla lotta contro il riscaldamento globale. Le compagnie proprietarie, quindi, non dovranno sostituire la flotta ma soltanto montare un nuovo sistema di alimentazione, che è possibile installare anche sulle barche storiche, molte delle quali varate ormai parecchi decenni fa. Dismettendo, così, il diesel e i motori ad alto impatto. 

battelli zero emissioni amsterdam

(Riconoscimento editoriale: Kirk Fisher / Shutterstock.com)

PER APPROFONDIRE: Sostenibilità, Favignana sarà la prima isola italiana a emissioni zero

BATTELLI ELETTRICI AMSTERDAM

La decisione è in pieno accordo con il piano di turismo a bassissimo impatto previsto dalla sindaca verde Femke Halsema, che dal suo insediamento, nel 2018, ha voluto imprimere alla città una forte impronta ecologica e sostenibile, in continuità con i suoi predecessori. Non solo battelli di grandi dimensioni, però: anche le piccole barche da diporto, che sono stimate intorno alle 12mila unità, dovranno essere adeguate al provvedimento della sindaca. Solo il 5 per cento, in questo caso, sono imbarcazioni a emissione zero, che andranno convertite al motore elettrico. 

Per questo la città di Amsterdam ha deciso, inoltre, di dotarsi di apposite stazioni di ricarica: ulteriori cento colonnine che si aggiungono a una chiatta appena realizzata dalla startup Skoon Energy.

MUOVERSI SOSTENIBILE:

Shares