A Napoli scoperta la più grande discarica di pneumatici | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

A Napoli scoperta la più grande discarica di pneumatici

di Posted on
Condivisioni

Tanto grande che riempirebbe lo stadio di San Paolo. Immaginate di entrare nello stadio – scrive Paolo Barbuto sul Mattino di Napoli – salite i gradini, vi affacciate sul campo e… invece del prato c’è una distesa di pneumatici usati. Il gioco serve a capire cosa sono mille tonnellate di gomme d’auto e di camion, esattamente il peso di quelle sequestrate dalla polizia municipale in una operazione che ha consentito di mettere i sigilli alla più grande discarica del genere mai individuata a Napoli. Mille tonnellate di gomme. La megadiscarica di pneumatici si trova a Ponticelli in via Botteghelle, ex area a vocazione industriale, oggi ridotta a una sequenza di capannoni abbandonati e disastrati in mezzo ai quali pochi audaci e tenaci imprenditori continuano a resistere. Ad eseguire il sequestro l’unità operativa Ecologia, un manipolo di vigili napoletani ai quali, dallo scorso settembre, il comandante Sementa ha dato un preciso incarico: «Sorvegliate il territorio e debellate il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti e delle discariche abusive».

L’intervento, come accade spesso in questi casi, è scaturito in seguito ad un sopralluogo per una vicenda diversa: la municipale era in zona per un controllo su segnalazione di cumuli lasciati in strada e ha notato che, alle spalle di un cancello alto più di due metri, svettavano centinaia di pneumatici. Gli agenti al comando del tenente Colimoro hanno chiesto di accedere all’interno e si sono trovati di fronte la più grande distesa di pneumatici mai vista da un napoletano. Il responsabile dell’area ha immediatamente ammesso di non avere nessun permesso per lo stoccaggio di quel materiale, così è scattato subito il sequestro: «È solo uno dei tanti che facciamo quotidianamente – prova a minimizzare il tenente Ciro Colimoro – queste operazioni che ai media sembrano clamorose, per noi fanno parte di una drammatica routine quotidiana». Attualmente l’area è sotto sequestro ma, a breve, verrà imposto al proprietario del terreno di smaltire (in modo regolare, naturalmente) quella immensa quantità di pneumatici accatastati e lasciati alle intemperie.

La gigantesca discarica abusiva, tra l’altro, si trova di fianco ai binari percorsi in fase di partenza e di arrivo dai treni dell’alta velocità che, proprio lì, vanno a velocità ridottissima: durante le fasi del sequestro, dai finestrini dei Frecciarossa e di un Italo che transitava, i passeggeri hanno assistito alla scena, qualcuno ha anche scattato foto con il cellulare. Anche se immaginare un viaggiatore, magari straniero, che si avvicina alla città e di primo acchito si imbatte in una montagna di pneumatici abbandonati, è umiliante per chi pensa che Napoli sia da rilanciare sul piano del turismo. «Adesso aspettiamo solo che arrivino i documenti ufficiali per l’avvio dello smaltimento – chiosa il tenente Colimoro – da quel momento vigileremo perché questa megadiscarica venga cancellata». E nel frattempo, può essere interessante rileggere una nostra segnalazione sul riuso di ciò che sembra irrimediabilmente perso.