Questo sito contribuisce alla audience di

La strage del cellulare, arriva il sequestro per ridurre gli incidenti d’auto gravi e mortali

Scrivono e scattano selfie 4 automobilisti su 10. E perdono di vista 300 metri di strada. un black out che può diventare fatale. Solo a Napoli il 35 per cento degli incidenti è dovuto a questo. Adesso finalmente si corre ai ripari

La strage del cellulare, arriva il sequestro per ridurre gli incidenti d'auto gravi e mortali
di
Condivisioni

GUIDA CON CELLULARE -

Il precedente è davvero eclatante. Di fronte all’enorme spreco di salute e di vite umane, per effetto della folla idea di guidare l’auto e di parlare contemporaneamente con il cellulare oppure usare lo smartphone per mandare messaggi, si prova finalmente a correre ai ripari. Con misure concrete, che potrebbero presto espandersi a macchia d’olio in tutta Italia
A Roma e nel Lazio, in seguito a un utile accordo tra la Polizia stradale, la regione e la Procura generale presso la Corte d’Appello, si è deciso che in caso di incidente grave o mortale, le forze dell’ordine possono sequestrare il cellulare del conducente. Per quale motivo? Per verificare che uso se ne stava facendo al momento dell’incidente, se era attivo, se qualcuno parlava con gli auricolari o con il vivavoce, se era collegato a Internet, se era in corso un’attività sui social, e quale.

LEGGI ANCHE: Allarme smartphone, troppi incidenti. I rischi di un uso eccessivo e sbagliato

INCIDENTI STRADALI CAUSATI DAL CELLULARE -

Una misura estrema, certo, ma consentita dalla legge e motivata con la strage ormai ricorrente sulle strade per un uso improprio dei cellulari. Una strage che coinvolge vittime innocenti, a partire dai poveri pedoni, per quali il tassodi mortalità in Italia è aumentato del 4,5 per cento. Solo a Napoli, per fare un esempio, gli incidenti stradali dovuti all’uso incosciente e compulsivo dello smartphone e del cellulare sono il 35 per cento del totale. Una follia pura.

USO SMARTPHONE ALLA GUIDA -

A volte sembriamo proprio un popolo di stupidi, un branco di incoscienti. Così abbiamo scoperto, da un’indagine di Istat e Aci, che il primo motivo per gli incidenti stradali è diventato l’uso frequente e scorretto, mentre si guida, di cellulari e smartphone. Lo fanno, con assoluta naturalezza, il 20 per cento degli automobilisti italiani, quasi il 50 per cento nelle regioni settentrionali. E il telefonino ci costa caro, in termini di spreco della salute, più di qualsiasi altra distrazione durante la guida, dello stato di ebbrezza e della l’alta velocità.

I rischi che arrivano da questo uso sciagurato della tecnologia si possono riassumere attraverso qualche dato scientifico. Il tempo nel quale ci ritroviamo a guidare al buio, per smanettare, varia sulla base del tipo di funzione: per comporre un numero telefonico servono sette secondi, dieci per scrivere un messaggio e 14 per scattare un selfie. Già i selfie. Su 7mila giovani europei intervistati, uno su quattro ha confessato di averne fatti durante la guida oppure di essersi distratto per controllare la posta elettronica e i messaggi sui social. Un automobilista che si infila nel buio dell’uso del cellulare durante la guida perde, in media, la visibilità di un tratto di strada tra i 300 e i 500 metri. Un’infinità. E un rischio enorme.

SANZIONI PER GUIDA CON CELLULARE -

Purtroppo in questo caso non possiamo prendercela né con le leggi troppo permissive, né con la scarsità dei controlli. Parlare con il cellulare o mandare messaggi viene punito molto severamente, con la penalizzazione di 5 punti sulla patente, la possibilità di ritirarla, e una multa tra 148 e 594 euro. Dunque le sanzioni non mancano, ma il problema resta solo per la nostra incoscienza.

CONSIGLI PER GUIDARE IN TUTTA SICUREZZA

Come guidare in maniera sicura in caso di pioggia, nebbia, neve e ghiaccio sulle strade

Allarme smartphone, troppi incidenti. I rischi di un uso eccessivo e sbagliato

Smartphoners: l’app che se guidi senza guardare il cellulare ti regala buoni benzina

Dipendenza da smartphone, 3 ore ogni giorno per controllarlo

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie: