Questo sito contribuisce all'audience di

Viaggi low cost, Familink travel la community per lo scambio d’ospitalità

Un network virtuale, che permette alle famiglie di viaggiare risparmiando e di conoscere davvero i luoghi che si visitano grazie alle migliori guide esistenti: gli stessi abitanti del posto.

Condivisioni

FAMILINK TRAVEL –

Quando si viaggia il modo migliore per conoscere il posto che si sta visitando è lasciarsi guidare da coloro che più di chiunque altro lo conoscono: i suoi abitanti. Con Familink Travel oltre a sfruttare le conoscenze di questi “esperti” si può anche risparmiare. Questo network, infatti, è una vera e propria comunità internazionale online dedicata alle famiglie che vogliono impegnarsi nello scambio d’ospitalità e in altre forme di viaggio condiviso. Un servizio innovativo creato nel settembre del 2012 da una coppia di italiani, Riccardo Urbani e Diletta Romei.

LEGGI ANCHE: Unlearning: viaggiare barattando per sei mesi con poco più di 500€

SCAMBIO DI OSPITALITÀ –

E se una realtà basata su una filosofia simile, il couchsurfing, esisteva già per i viaggiatori più giovani, Familink allarga l’ottica a una tipologia di persone finora escluse da offerte di questo tipo. Si tratta delle famiglie intese nel senso ampio e moderno del termine, comprendente anche coppie eterosessuali e omosessuali, persone separate con figli e anche i cosiddetti “single di ritorno”, cioè coloro che hanno avuto un’esperienza di vita di coppia per poi tornare nuovamente ad essere soli.

VIAGGIARE OSPITALITÀ –

Per entrare nella community di Familink basta registrarsi sul sito e compilare una scheda nella quale indicare cosa si è disposti ad offrire, dove si vorrebbe andare, ma anche le proprie passioni e stili di vita, con la possibilità di aggiungere foto e video di presentazione. Così è possibile mettersi in contatto con gli altri membri, dapprima via chat e Skype per poi giungere all’incontro vero e proprio e all’eventuale pianificazione del viaggio. Lo scambio di ospitalità non prevede alcun obbligo di reciprocità, ed è possibile proporsi anche come semplici “support guide”, cioè non mettere a disposizione la propria casa ma offrirsi come fonte di informazioni e consigli utili per coloro che si recano nella propria città.

PER APPROFONDIRE: “Adotta un turista”, il concorso per fare nuove amicizie e viaggiare gratis

LEGGI ANCHE:

1 Comment