Questo sito contribuisce all'audience di

Una e-mail pesa 4 grammi di CO2

di Posted on
Condivisioni

Quale impronta di carbonio lasciamo quando usiamo Facebook, programmiamo un matrimonio o semplicemente facciamo una telefonata? Ce lo dice “How Much CO2”, vero e proprio misuratore online di anidride carbonica studiato e messo in rete da General Electric.

Monica Rubino, del quotidiano La Repubblica, ha utilizzato l’applicazione e riportato qualche esempio. Un’ora davanti a una TV da 15 pollici costa 34 grammi di CO2, 76 grammi per una TV da 28 pollici e 220 per una TV al plasma da 42 pollici.
Per una chiamata da un minuto con il cellulare emettiamo invece 57 grammi di CO2.
Skype è più inquinante di Facebook: produce ogni anno 24 milioni di tonnellate di CO2, contro i 13.6 del social network.
Veniamo all’uso del PC. Una singola ricerca su Internet da un portatile produce 0.2 grammi di CO2. Mandare una e-mail costa 4 grammi di CO2, ma se c’è un allegato pesante diventano 50 grammi. Internet nel suo complesso ne produce annualmente 300 milioni di tonnellate.
Una borsa della spesa di carta comporta emissioni per 12 grammi e una lampadina a incandescenza è molto più dispendiosa di una a risparmio energetico: 500 kg all’anno contro 90 kg.
Se beviamo acqua imbottigliata da una fonte vicino a casa siamo responsabili dell’emissione di 110 grammi di CO2 ma se ci piace un’acqua minerale trentina e siamo a Roma i grammi diventano 160. Ancora peggio, 215 grammi, se acquistiamo una marca straniera.
E il cibo? Per un hamburger di carne si emettono 2.5 kg di anidride carbonica e 1 kg per un hamburger vegetariano. Sempre 1 kg di anidride carbonica costano un’arancia o una fetta di pane.
Sei uova emettono 1.8 kg, una bottiglia di latte 720 grammi. Poi spendiamo 210 kg per un anno di caffè, 12 kg per una forma di formaggio, 900 grammi per una bottiglia di birra d’importazione.
Caro ci costa anche in termini di emissioni il matrimonio. Per cento invitati si producono 5 tonnellate di CO2, mentre per uno con 300 invitati, si raggiungono le 85 tonnellate.
Nemmeno le partite di calcio sono esenti da emissioni: 90 minuti per 820 tonnellate.