Questo sito contribuisce all'audience di

Tagli: luci spente nella notte nei parchi modenesi

di Posted on
Condivisioni

Dall’inizio dell’anno il Comune di Modena ha risparmiato oltre 200mila euro sulle bollette dell’energia elettrica. Un piano di risparmio che in questi giorni avrà la sua seconda fase. Gli obbiettivi dell’ntervento sull’illuminazione pubblica – ne leggiamo la notizia sul sito de il Resto del Carlino – sono risparmio energetico e alleggerimento del carico economico delle bollette della luce per il Comune di Modena.

A partire dal 13 agosto alle 2 di notte verranno spente le due torri faro all’interno del parco Ferrari. Rimarranno invece accese le luci basse interne al polmone verde. Luci spente trenta minuti dopo la chiusura dei cancelli anche ai giardini Ducali Estensi. E l’illuminazione verrà spenta a mezzanotte anche nei parcheggi di Grandemilia, Portali, e nell’area Fiera. Resterà invece accesa l’illuminazione del parcheggio del Palasport.

L’avvio della seconda fase del piano è stato definito dopo aver valutato positivamente il risparmio energetico ed economico delle iniziative attuate nei mesi scorsi in alcune aree della città sull’illuminazione stradale, con lo spegnimento anticipato di 60 minuti prima dell’alba e l’accensione ritardata di 15 minuti alla sera. Queste iniziative, sommate alla riduzione del 22 per cento del flusso luminoso, nei primi sei mesi di quest’anno hanno fruttato oltre 200 mila euro di risparmio sulla bolletta energetica del Comune. “Convinti di dover salvaguardare i servizi primari di welfare – commenta l’assessore all’Ambiente Simona Arletti – ci siamo impegnati in un’attenta selezione di tagli mirati per economizzare ovunque sia possibile. Ci siamo concentrati sulla riduzione del flusso luminoso e sul risparmio di ore di illuminazione, con tutte le cautele necessarie a evitare effetti negativi sulla sicurezza stradale. Stiamo verificando gli effetti di queste scelte e nelle prossime settimane individueremo altre possibili aree su cui effettuare riduzioni di spesa, compresa quella già programmata di progressiva sostituzione delle attuali lampade al sodio, pur efficienti, con nuove lampade a led”.