Questo sito contribuisce all'audience di

Quanto ci costa la vita nel 2014? Ecco gli aumenti dei prezzi (e gli sprechi) più pesanti

L'anno nuovo è iniziato molto male per le famiglie italiane, a proposito di caro-vita e di nuove stangate: dai pedaggi dell'autostrada alle spese postali ai costi del conto corrente

Condivisioni

Troppi aumenti di prezzi. E con troppi dubbi e poca trasparenza. L’anno 2014 è iniziato molto male, per le famiglie italiane, a proposito di caro-vita e di nuove stangate che si sommano a quelle fiscali che ancora stiamo digerendo e cercando di comprendere. Prendiamo il caso dei pedaggi autostradali: era opportuno consentire, come ha fatto il governo Letta, aumenti dal 1° gennaio mediamente del 3,9 per cento con punte superiori all’8 per cento, fino all’aumento del 300 per cento sulla Padova-Venezia? No, bisognava evitarlo, e non si capisce a che cosa serva un’Autorità dei Trasporti che non interviene su questa delicata materia. Così diventa solo un luogo di spreco del denaro pubblico ( i costi della struttura).

LEGGI ANCHE Case: prezzi in discesa e tasse triplicate. Anche per colpa degli sprechi

Altro aumento opaco: le banche. Ritocchi da tutte le parti sui costi dei conti correnti e sulle spese addebitate ai poveri clienti poco esperti e spesso incapaci di capire qualcosa nella ciclopica documentazione che gli istituti di credito italiano forniscono alla loro clientela. Poi ci sono i trucchi, detti anche beffe e soldi sprecati (per i clienti). Le banche, infatti, zitte zitte stanno aumentando i costi per chi sconfina sul conto corrente, mentre ci avevano detto che dal 2012, dopo anni di inutili tentativi, veniva eliminata la commissione di massimo scoperto (un costo improprio). Risultato: basta sconfinare anche un solo giorno e si paga il 10 per cento di interessi. Un esempio? Sconfinare per 24 ore di 501 euro costa al cliente 50 euro. Inaccettabile.

PER SAPERNE DI PIU’ Basta sprechi, Viva la politica, ma devo costare di meno

Dall’anno nuovo sono aumentati anche i prezzi degli snack, dei caffè e delle bevande, in seguito al passaggio dell’Iva dal 4 al 10 per cento (doppia stangata, doppio spreco), cresce la bolletta della luce (con uno 0,7 per cento su base annua) e la solita Autorità di garanzia che dovrebbe proteggere i consumatori e le loro tasche, in questo l’Agcom, ha autorizzato le Poste Italiane ad aumentare i prezzi di lettere e raccomandate. Complimenti.