Questo sito contribuisce all'audience di

Vestiti di marca in affitto: puoi prenderli con la piattaforma My secret dressing room

È un simbolo della sharing economy declinata nel settore dell’abbigliamento. Chi offre, lascia fotografare gli abiti indossati da modelle, chi riceve deve solo chiedere i vestiti presenti nel catalogo.

di Posted on
Condivisioni

MY SECRET DRESSING ROOM MILANO –

Avete presente il sogno di un abito, o un accessorio, che guardate con il naso appiccicato alla vetrina e non potete acquistare perché costa troppo? Bene, c’è una soluzione per condividere il sogno e realizzarlo: passare dall’acquisto all’affitto. Un tipico passo da sharing economy, la nuova economia della condivisione. Che non significa soltanto mezzi di trasporto (auto, bici e moto), case in affitto, o cibo da offrire, ma anche vestiti. E di marca.

LEGGI ANCHE: Swap party, cos’è e le regole d’oro per organizzarlo al meglio divertendosi

NOLEGGIO VESTITI USATI –

La strada migliore per un noleggio a buon mercato, e anche con ottimi pezzi di abbigliamento, è quella della piattaforma My secret dressing room, che presenta un vero e proprio catalogo di abiti e accessori che potete prendere in affitto.

COME FUNZIONA LA PIATTAFORMA –

Le donne si dividono in due categorie: quelle che offrono abiti da affittare (secret stylis) e quelle invece che li richiedono (secret fan). Le prime ricevono a casa un fotografo mandato dai gestori della piattaforma, gli consentono di scattare le immagini degli abiti offerti a noleggio, che vengono indossati dalle modelle. Poi le foto finiscono sul web, e i vestiti tornano nell’armadio in attesa di richieste. Le fan invece devono semplicemente guardare il vastissimo guardaroba presente sulla piattaforma e procedere poi alle eventuali richieste di noleggio.

L’ultima fase è quella del ritiro e della consegna. Anche qui sono i gestori della piattaforma, che ovviamente trattengono una parte dei soldi del noleggio degli abiti, che si occupano sia del ritiro sia della consegna. Tutto a domicilio, sotto il segno della sharing economy.

PER APPROFONDIRE: Acquisti usato online, un boom contro la crisi

LEGGI ANCHE: