Matt Hunter - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Matt Hunter e la ricerca dei percorsi per mountain bike più belli del mondo

La storia di Matt Hunter, un “cacciatore di sentieri”: va in giro per il mondo a cercare i percorsi per mountain-bike più suggestivi.

di Posted on
Condivisioni

MATT HUNTER –

Hunter in inglese significa cacciatore. Trail in inglese significa sentiero, o anche pista. Matt Hunter è un mountain-biker professionista che lavora per la Specialized Bicycles, azienda americana costruttrice di biciclette top di gamma – una sorta di Mercedes delle bici. Alla Specialized hanno messo insieme i tasselli e si sono inventati una serie su YouTube intitolata Trail Hunter, letteralmente “Cacciatore di Sentieri”. Matt va in giro per il mondo a cercare i percorsi per mountain-bike più suggestivi, sperduti, pericolosi, in una parola, i trail più belli della Terra.

LEGGI ANCHE: Piste ciclabili, le più belle d’Italia. Per qualsiasi passeggiata (foto)

SERIE YOUTUBE TRAIL HUNTER –

Nei suoi viaggi, Matt ha scoperto un trail nel Minami Alps National Park, nella regione di Chūbu, Honshū, in Giappone. Percorsi tra le foreste del complesso alpino che ospita la seconda cima più alta del paese dopo il famosissimo Monte Fuji – il Monte Kitadake. Una regione ricca di cascate fiabesche e paesaggi lontani non solo nella geografia ma anche nell’immaginario. C’è, per esempio, il campo di Iris più grande dell’Asia, che crescono spontaneamente in cima al Monte Kushigata. Matt Hunter è andato in mezzo a queste meraviglie con la sua mountain-bike e – aiutato dalla conoscenza dei simpatici locali esperti dei percorsi di quelle foreste – ha trascorso giornate indimenticabili lungo quelle discese. Ha registrato tutto in un video con la musica degli Heartless Bastards, band texana le cui sonorità si mischiano curiose con le foreste dell’Asia più estrema.

I MIGLIORI PERCORSI IN MOUNTAIN BIKE –

Cambio di latitudine, ma soprattutto cambio di longitudine e Matt vola in Jamaica a scovare il trail più bello dell’isola caraibica. Tra una risalita e l’altra si fermano a bere del latte di cocco a Km0, e forse anche meno. I locali rastafariani non vanno in mountain bike, ma sono felici di prendersi cura dei percorsi e delle persone che vengono lì per andare in bici. Oltre al divertirsi in sella, Matt e i suoi scendono in un paesino a valle e conoscono un locale che ha messo su un’attività con la quale tenta di regalare una finestra di felicità ai bambini sfortunati del posto. Ha costruito un pump truck e mette a disposizione dei bambini le bmx così da potergli insegnare ad andare in bici. Quel giorno, quei bambini avranno a disposizione un altro insegnante d’eccezione, e qualcuno avrà anche la fortuna di farsi un giro sulla sua splendida bici – sempre a piedi nudi, loro fanno così. Il tutto, ovviamente, sotto le dolci note del più classico raggae jamaicano e della filosofia di vita rastafariana: la felicità è dove il cuore si sente soddisfatto.

PERCORSI PIÚ BELLI DA PERCORRERE IN MOUNTAIN BIKE –

Matt Hunter e la sua troupe hanno volato anche nella foresta nera tedesca, così come tra le Isole del Golfo della British Columbia, in Canada, ma anche in Alaska e chissà in quanti e quali altri posti sbarcheranno. Se ancora non vi è venuta voglia di evasione nel posto più lontano cui riuscite a pensare, allora concedetevi ancora qualche minuto a sognare con l’altra serie di Specialized, intitolata Destination Trail. Dopo aver visto le vallate neozelandesi o i paesini medievali della Spagna, o ancora le foreste della Tasmania o le pendici dei vulcani peruviani – starete già facendo la valigia.

PER APPROFONDIRE: Bici elettrica e a pedalata assistita, arrivano i gruppi di acquisto per risparmiare