L’ultima frontiera delle ricariche di auto e bici elettriche | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

L’ultima frontiera delle ricariche di auto e bici elettriche

Condivisioni

Un albero artificiale le cui speciali foglie accumulano energia solare per poi trasferirla alle auto elettriche attaccate al tronco. Si chiama Lotus ed è una particolare colonnina di ricarica sviluppata dall’architetto Giancarlo Zema per l’azienda bergamasca LumineXence.

Ogni foglia costa circa 15mila euro e permette di ricaricare fino a due auto contemporaneamente. La copertura è costituita da un pannello fotovoltaico capace di generare energia che va dai 500 W di produzione minima ai 2.8 KW di produzione massima.

Varie possono essere poi le combinazioni del tronco dotato di un particolare schermo touchscreen in grado di trasmettere indicazioni sul traffico, il tempo o la pubblicità.

Ma non finisce qua: partendo dagli stessi principi, l’architetto ha progettato una speciale e-bike a pedalata assistita dal design rigorosamente organico. Ecosostenibile e leggera, la Lotus e-bike, grazie alla struttura principale interamente in alluminio, si sviluppa attraverso una linea sinuosa che parte dal lato anteriore, incorpora i pedali al centro e infine avvolge la ruota posteriore nascondendo alla vista sia la batteria che il motore elettrico.

Ergonomica per le sue forme morbide e pratica grazie alla presenza di un comodo portaoggettiLotus e-bike sfrutta una speciale tecnologia ad albero cardanico semplice ed economica che non ha bisogno di particolare manutenzione e consente una trasmissione precisa e soprattutto silenziosa dell’energia ottenuta dalla pedalata.

Un grande display LED touchscreen, permette infine di essere costantemente aggiornati sullo stato di carica, sulla viabilità e sui punti di ricarica Lotus più vicini. Come per le auto elettriche anche per le e-bike, Zema ha infatti previsto una speciale pensilina fotovoltaica da 8,7 metri quadrati in grado di generare 1,2 kWp e dotata anch’essa di monitor touchscreen.

Un ecosistema sostenibile quindi, che muove dall’auto elettrica fino alla bici intelligente nella prospettiva di un mondo migliore in cui l’energia rinnovabile sosterrà la salvaguardia dell’ambiente.