Jihad e terrorismo islamico - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

La Jihad è una guerra innanzitutto dentro il mondo musulmano (Maurizio Molinari)

L’errore di noi europei è di guardare l’Islam ancora attraverso la lente del nazionalismo arabo. Mentre siamo nella fase di un conflitto, nel segno della Jihad, tra pezzi dell’universo arabo.

di Posted on

Ultimo aggiornamento il 18.12.2015 alle 16:07

JIHAD E TERRORISMO ISLAMICO –

Per immaginare le mosse dell’Isis, per non vivere prigionieri del terrore, e anche per prendere le misure a chi ha lanciato la sfida della guerra ai paesi del mondo occidentale, tra i quali l’Italia, c’è bisogno innanzitutto di capire bene chi sono gli avversari. Quali obiettivi hanno. E come si sono organizzati per realizzarli.

LEGGI ANCHE: La Capria, vi racconto la paura dell’Isis. Peggio di Hitler, che almeno conoscevamo…

JIHAD GUERRA ALL’OCCIDENTE MAURIZIO MOLINARI –

Un libro (Jihad, guerra all’Occidente. Edizioni Rizzoli), scritto sul campo, dal giornalista Maurizio Molinari, che ha fatto il corrispondente per La Stampa in Medio Oriente, aiuta proprio a orientarsi in questo dedalo di tensioni. E la cosa più importante che il libro aiuta a comprendere è la natura del conflitto, ovvero «uno scontro di civiltà che si consuma all’interno del mondo musulmano e vede i maggiori contendenti puntare a unificare l’Islam sotto la propria egemonia, adoperando nei confronti del proprio nemico il termine apostata al fine di privarlo di legittimità, emarginarlo, sconfiggerlo e in ultima analisi eliminarlo».jihad-terrorismo-islamico-libro-maurizio-molinari (2)

IL CONFLITTO TRA SCIITI E SUNNITI –

Questa lettura della Jiad è preziosa. Ci porta dentro quello che Molinari definisce «l’asse portante» di questa guerra, ovvero il conflitto tra sciiti e sunniti, incentrato sui territori appartenuti a Siria e Iraq, con la proclamazione del Califfato e il brutale terrorismo che genera.

E il ritardo dell’Europa, lo spreco di tempo prezioso nell’affrontare questa guerra, è in primo luogo culturale. Nel senso che guardiamo all’Islam, e poi all’Isis, ancora attraverso la lente del nazionalismo arabo, frutto della decolonizzazione, mentre siamo all’inizio di una nuova epoca. Nel segno della Jihad.

PER APPROFONDIRE: Guerra dell’Isis, come spiegarla ai giovani della generazione Erasmus

Share

<