Immigrazione Bruxelles - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Immigrazione sbagliata, così Bruxelles è diventata il buco nero dell’Europa

Un patto scellerato con i musulmani: vi lasciamo entrare e voi non ci attaccate. Il risultato è che sono 300mila, con 77 moschee, e in ogni azione terrorista c’è qualcuno che arriva dal Belgio. Dove si contano 315 inchieste sul terrorismo islamico.

Condivisioni

IMMIGRAZIONE BRUXELLES –

Dopo il dolore e lo sgomento, possiamo provare a capire un aspetto centrale dell’attaccato sferrato in Belgio: la vulnerabilità di Bruxelles. Ovvero, come attraverso un’immigrazione sbagliata, ipocrita e fondata su un patto scellerato, la capitale del Belgio sia stata trasformata nella più importante base logistica e operativa dell’Isis in Europa.

LEGGI ANCHE: La Capria, vi racconto la paura dell’Isis. Peggio di Hitler, che almeno conoscevamo

LA VULNERABILITÀ DI BRUXELLES –

Per anni il governo di questo paese, pensando così di cavarsela con una furbizia all’italiana, ha fatto il seguente patto scellerato con gli immigrati musulmani: noi vi apriamo le porte, vi facciamo costruire le moschee, vi lasciamo in pace, e voi in cambio di tenete fuori dalla mischia degli attentati. Un patto chiaro, che però non poteva funzionare. Né ieri, né oggi, né mai.

Il risultato è che in quelle mostruose periferie di Bruxelles, come Molenbeek, si è allevata una generazione di guerriglieri, pronti a partire per la Siria, l’Iraq, la Libia, ma anche pronti a colpire in casa. E quando, con mesi di ritardo, la polizia si è finalmente affacciata nel quartiere per arrestare il terrorista Salah Abdeslam, è stata attaccata dalla popolazione locale. Come se fossimo nella Scampia nelle mani dei clan della camorra, e centro nevralgico dello spaccio di droga.

Nel video le drammatiche immagini dei passeggeri della metropolitana che si allontanano sui binari dopo l’esplosione di una bomba nella stazione di Maelbeek:

(Fonte video: Repubblica)

COMUNITÀ MUSULMANA A BRUXELLES –

Un secondo effetto perverso di questo patto sciagurato, riguarda la metamorfosi della popolazione in Belgio. Ormai i musulmani sono 300mila nel paese, con 77 moschee a disposizione (luoghi, spesso, di proselitismo e di indottrinamento, oltre che di raccolta di fondi per la guerra contro di noi): valgono un quarto dell’intera popolazione belga. E si tratta di una comunità che vive extra legem, ovvero chiunque abbia messo piede in una banlieu belga, o parigina, si è reso conto che qui si vive come se fossimo in Arabia saudita. Con le stesse regole, a partire dalle privazioni che le donne devono subire.

Se andate a spulciare nella lista dei  terroristi identificati nel corso dei vari attacchi in questi anni, scoprirete una traccia comune: c’è sempre qualcuno che proviene da Bruxelles, dalla capitale del patto con diavolo. E oggi le inchieste aperte per terrorismo islamista a Bruxelles sono ben 315, una quantità di fascicoli che la macchina della giustizia del paese non è in grado di reggere, con i risultati catastrofici, per le indagini, che sono sotto gli occhi di tutti.

Nel video le immagini dei momenti successivi all’esplosione nel terminal dell’aeroporto:

(Fonte video: Repubblica)

COME CONTRASTARE IL TERRORISMO –

Altro che capitale di un’Europa che non esiste, Bruxelles è il buco nero del nostro fallimento collettivo. Abbiamo dato al nemico un pezzo strategico di una capitale, e loro ne fanno l’uso che vogliono. Nel frattempo, noi li contrastiamo con le mani alzate. A sentire ministri come la Pinotti e Gentiloni che vanno in giro in tv a parlare di fantomatici accordi di «collaborazione strategica»  tra i paesi europei, non sai se piangere o ridere. Servirebbe ben altro. E almeno un’intelligence comune, che faccia a monte il lavoro sporco di indagine e di infiltrazione. E cerchi, adesso che il danno è stato fatto, di iniziare a tappare il buco nero di Bruxelles.

(Nell’immagine di copertina l’aeroporto di Bruxelles nei minuti successivi all’esplosione)

PER APPROFONDIRE: La Jihad è una guerra innanzitutto dentro il mondo musulmano (Maurizio Molinari)