Questo sito contribuisce all'audience di

Ibrahim Abouleish e la sua lotta per un’agricoltura che rispetta l’ambiente e offre lavoro

Cura della terra, rispetto della natura, impegno sociale e lotta contro gli sprechi: queste le caratteristiche che contraddistinguono Sekem, un’azienda che oggi offre lavoro a duemila persone.

Condivisioni

IBRAHIM ABOULEISH SEKEM –

Rilanciare un Paese e restituire speranza ai suoi abitanti attraverso l’agricoltura: oggi vogliamo raccontarvi la storia di Ibrahim Abouleish, medico e ingegnere che dopo aver vissuto in Europa per oltre vent’anni, ha deciso di fare ritorno al suo Paese e portare avanti un progetto rivoluzionario che gli ha permesso di dimostrare che anche il deserto può trasformarsi in un’oasi e che l’agricoltura biodinamica può essere la chiave di svolta di un Paese.

LEGGI ANCHE: Genuino Clandestino, il racconto di chi lotta per un rapporto consapevole con la terra e il cibo

CHI È IBRAHIM ABOULEISH –

Aveva solo 18 anni Ibrahim quando, nonostante un futuro già avviato in patria grazie all’azienda familiare, decide di lasciare l’Egitto e di trasferirsi a vivere in Austria dove si dedica con profitto ai suoi studi. A un certo punto sente però il richiamo della sua patria e così decide di farvi ritorno con un obiettivo ben preciso: cambiare la condizione del suo villaggio e creare posti di lavoro. Succede così che decide di comprare 70 ettari di deserto e avvia Sekem (in arabo, vitalità del sole), un’azienda biodinamica che, nel giro di qualche anno, come leggiamo su Repubblica, ha dato lavoro a duemila persone.

DA NON PERDERE: Smog Free Tower, a Rotterdam il più grande aspiratore anti smog

Sekem ha trasformato in giardino 1.500 ettari di sabbia, ne sta riconvertendo altri 3.500, esporta in molti paesi e fa parte di una rete di 85 aziende biodinamiche egiziane che danno lavoro a 12 mila persone.

L’AGRICOLTURA BIODINAMICA DI SEKEM –

Un’azienda Sekem che è riuscita a superare tutti i problemi che, di volta in volta si sono presentati, senza arrendersi mai. Una realtà che si occupa anche della coltivazione e della lavorazione del cotone bio e delle erbe officinali da cui vengono poi ricavati farmaci e tisane e che, anno dopo anno, ha portato alla costruzione di una scuola, un’università, un ospedale, un teatro, un centro di ricerca e ambulatori in cui si offrono servizi a circa cento persone ogni giorno. E Sekem prevede anche laboratori di monitoraggio della qualità del terreno.

Cura della terra, rispetto della natura, impegno sociale e lotta contro gli sprechi: queste le caratteristiche che contraddistinguono Sekem e quelle che ogni azienda dovrebbe adottare per portare avanti un vero e proprio cambiamento.

PER APPROFONDIRE: La storia di Emmanuel Giboulot, viticoltore biodinamico simbolo della Resistenza Naturale

LEGGI ANCHE: