Freiburg la capitale "verde" della Germania. | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Freiburg la capitale “verde” della Germania.

di Posted on
Condivisioni

Qui, nel Baden Wrttemberg, neanche le farfalle che svolazzano tra le cime dei monti Vosgi rinunciano al loro goccetto, goccetto che gli uomini trasformano in inebriante calice di vino.
E neanche Heidegger, il filosofo che nel 1933 insegnava e dirigeva l’universita’ di Freiburg, rinunciava a quel nettare liquido che tra colline e acque del Reno facilitava il suo pensiero. Heidegger passeggiava nella vicina Foresta Nera e la’, speculando, inzuppava la sua forchetta nella panna e tra le amarene della torta altissima fatta dalle donne di quei boschi.
Oggi Freiburg e’ giovane, universitaria, e capitale ecologica della Germania. Il quartiere solare Am Schlierberg, architettato da Rolf Dish, si serve di sola energia solare e, al suo interno, vi si trova di tutto; supermercati, scuole, e cinema.
Il vino viene da Breisach, villaggio dalla bella piazza di Santo Stefano che guarda il fluire del fiume e i piccoli porti d’ormeggio. Progettata nel XII secolo, la cattedrale custodisce un affresco di Schongauer che narra l’inferno e il paradiso, e un altare ligneo del maestro Hans Loi che lascio’ una sola traccia, la sua grande opera.
Breisach sorge al confine con l’Alsazia, e condivide ciliegi e uliveti con la Francia. Ma condivide anche gli ippocastani, e la cenere che da’ sapore al terreno: viene dal vulcanesimo di questo territorio.

E di nuovo cattedrali. Quella di Freiburg ha cento facce: il volto delle vetrate preziose, dei candelabri accesi parati a grande corona, le forme gotiche di piccoli mostri pietrificati, e la torre di guglie medievali che bucano le nuvole. I fedeli sono in preghiera nel suono di un organo solenne. Attorno e’ la piazza del mercato con mercantesse di tulipani e ranuncoli, violette e asparagi, intrecci di erbe appassite che diventeranno ghirlande d’ornamento, e si chiacchiera tra i tavoli dei bar davanti al municipio rosso porporino. I canali d’acqua scorrono tra le piccole vie, si osservano e si ascoltano bevendo un te’ alla cannella o una cioccolata all’aroma di cardamomo. Il glicine penzola dai tetti delle case azzurre, e dai balconi dei cortili dove abbondano anche i vasi con le rose.
Questa e’ una citta’ d’arte dove stanno sorgendo case di produzione pubblicitaria, dove si tengono corsi di comunicazione, video e tecniche multimediali, dove si fa il cinema e si studiano le tecniche della sceneggiatura, tanto che in febbraio si svolgera’ un’importante fiera dello spettacolo.
A Friburgo si trovano set tra le vie, e i giovani registi si mettono alla prova con cinepresa e grandi lampade professionali.
Questa cittadina guarda al futuro ma ha la planimetria di otto secoli fa. Improvvisamente, ci si sente anche in Olanda, in quella Amsterdam un po’ accogliente e un po’ estranea, un po’ trasgressiva ma pure calorosa. Freiburg e’ una citta’ di adolescenti, famiglie numerose e vecchietti che si muovono ancora sicuri, eretti nelle loro gambe allenate: qui camminare equivale a pensare. La passeggiata a Freiburg e’ occasione di riposo, ma anche di esaltazione del pensiero.

I tetti delle case si coprono di tegole e le tegole si coprono di rampicanti sempre verdi. Il cielo e’ terso, e tutto ti avvolge in un manto di luce. Poi arrivi alla torre bianca dell’orologio che segna le ore, e sono ore sempre serene. Questa torre e’ anche la porta della vecchia citta’, e qua comincia la strada di ciottoli incisa dalla strada ferrata. Quando non ci si muove a piedi, a Freiburg si circola in tram, le auto sono poche, e i tedeschi da queste parti bandiscono il rumore: gli abitanti preferiscono non disturbare e non essere disturbati.
Gli studenti vanno a dare esami in bicicletta o, come ai tempi di Heidegger raggiungono, con lunghe passeggiate dedicate a gambe e menti, i fitti boschi della foresta. Oppure si cammina lungo il lago dorato di Schluchsee, a pochi chilometri dal centro cittadino dove, dopo aver attraversato la via delle ville del Novecento, lamponi, mirtilli, pini, grappe e strudel attendono il goloso, il pensatore, e il contemplativo.
INFORMAZIONI UTILI
Dall’Italia si raggiunge Freiburg col Cisalpino e con le DB, Ferrovie tedesche: Call Center, tel. 0267479578, www.dbitalia.it
Dormire e mangiare
Zum Roten Bren, Oberlinden 12, Freiburg, tel. +49 (0) 761387870, www.roter-baeren.de: e’ la taverna piu’ antica della Germania. Deliziose le camere e ottimo ristorante con vecchia e ricca cantina, clientela elegante.
Ciccolateria Rafael Mutter, Gerberau 5, Greiburg, tel. +49 (0) 7612927141.
Cantine Geldermann, Am Schloberg 1, Breisach: cantine visitabili e degustazioni dell’ottimo prosecco del Reno.