Fare regali a nonni soli - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

I nipoti di Babbo Natale, centinaia di persone fanno un regalo a nonni rimasti soli

Più di 950 i desideri già esauditi: una mostra, una partita di calcio, una felpa in pile, persino una pizza in compagnia. Ognuno di noi può regalare un momento di dolcezza o un pensiero per Natale ad anziani soli ospiti di strutture assistenziali

Natale è alle porte: decorazioni luminose, alberi addobbati, pensieri e regalini sotto l’albero. Per la maggior parte di noi il Natale rappresenta un’atmosfera magica, l’occasione di passare del tempo in famiglia e di rinsaldare i legami di amicizia, amore, fratellanza e vicinanza.
Ma il periodo natalizio può significare anche solidarietà che travalica i confini familiari, come quando si aderisce alle varie campagne di donazione di giocattoli o cibo per bambini e bambine ospiti di istituti e case famiglia.

E se, invece, a chiedere un dono fosse un nonno o una nonna adottiva?

LEGGI ANCHE: La storia di Guido, il pensionato romano che ripara giocattoli. Per i bambini poveri

FARE REGALI A NONNI SOLI

Questo è lo scopo del progetto solidale “I Nipoti di Babbo Natale”, che ha come obiettivo quello di rendere felici anziani e anziane ospiti di case di riposo disseminate in quasi tutta la penisola. Il progetto, ideato e sostenuto dalla Onlus Un Sorriso in Più, ha il merito di far sentire a casa i nonnini e le nonnine sole, che spesso non possono trascorrere il Natale con le famiglie di appartenenza rischiando di non vivere nemmeno un grammo di atmosfera natalizia.

Per chi il Natale lo trascorre lontano da casa e dai propri affetti, per chi parenti non ne ha, o non ne ha più, il 25 di dicembre può rivelarsi un momento di solitudine, e un piccolo gesto come secegliere un pensiero e confezionarlo può trasformarsi in qualcosa di magico.

Il funzionamento è molto semplice: sul sito dell’associazione, I Nipoti di Babbo Natale, si può sfogliare una vera e propria letterina a Babbo Natale di tutti i nonni e le nonne che aderiscono, scegliere un desiderio da esaurire ed essere poi messi in contatto con la residenza e gli operatori e le operatrici che si occupano di quel preciso desiderio.

Non si può non commuoversi appena si scrolla la home page dei desideri dei nonni e delle nonne: oggetti molto semplici, a volte simbolici, come un rosario, un santino, l’abbonamento a un quotidiano, una felpa in pile. Oppure esperienze, che per noi sono all’ordine del giorno, come la visita a una mostra, una partita allo stadio, un concerto.

I messaggi che accompagnano i desideri, poi, sono dolcissimi, e dietro a quella manciata di righe possiamo scorgere angoli di vita, storie, vicende biografiche molto dolorose, come quelle del signor Renato, 95 anni, di cui due passati nell’orrore di un campo di concentramento, che desidera una semplice passeggiata nel centro di Roma. O della signora Agnese, 91 anni, ospite di una residenza di Reggio Emilia, che ha chiesto per Natale una camminata ogni tanto per andare a prendere un buon caffè.

Nella sola edizione del 2019 sono 950 i desideri realizzati, ma molti altri saranno raccolti prima di Natale nelle case di riposo della Lombardia, dell’Emilia-Romagna, della Puglia o del Piemonte.

PER APPROFONDIRE: I nonni adottati dai bambini della scuola primaria di Castiglione delle Stiviere. Tutto inizia da un libro (foto)

PROGETTO I NIPOTI DI BABBO NATALE

Il progetto “I Nipoti di Babbo Natale” è online dal 2018, su idea di Katerina Neumann, una ragazza originaria della Repubblica Ceca. Lì, infatti, la radio nazionale ha realizzato e promosso la stessa iniziativa nel 2017, consentendo a quasi 14.000 anziani di realizzare un proprio piccolo sogno.

La bellezza e la forza di questo progetto risiedono innanzitutto nella possibilità di scrivere una lettera, esprimere un desiderio.

Una cosa apparentemente banale, ma spesso non scontata: un anziano ospite di una struttura spesso è in una fase della vita in cui sono principalmente altri a decidere al suo posto. Desiderare, riscoprire i piccoli sogni e ciò che si vuole permette di riscoprire la capacità di ascoltarsi, sentire i propri bisogni e desideri ed esprimerli. In più, sapere che qualcuno ha pensato a loro, che qualcuno ha dedicato tempo e risorse per regalare loro un momento di felicità, li rende felici e meno soli.

I desideri sono infatti accompagnati da un messaggio di auguri, o un videomessaggio del nipote e della nipote adottiva, per rinforzare la dimensione solidale ed emotiva del dono.

Per diventare nipote di Babbo Natale ed esaudire un desiderio espresso è possibile visitare il sito nipotidibabbonatale.it.

(Si ringrazia la pagina web de I Nipoti di Babbo Natale per il video)

STORIE DI NONNI E NONNE:

 

 

 

 

Shares

Nessun commento presente

Che ne pensi?