Gustavo Petro: la disponibilità nei politici è una virtù - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Un paese che sta bene? Quello dove i ricchi prendono l’autobus (Gustavo Petro)

Una lapidaria frase dell’ex sindaco di Bogotà sembra una provocazione. Ma in realtà è un incipit sul vero benessere. E sulla necessità, per i più fortunati, di non perdere il contatto con la realtà

Condivisioni

DISPONIBILITÀ DEI POLITICI

Gustavo Petro, ex sindaco di Bogotà, una volta parlando in pubblico a proposito delle diseguaglianze crescenti nel mondo globale, ha detto una frase lapidaria, che dovremmo scolpire tutti, specie chi ha responsabilità politiche e amministrative, nella nostra testa. La frase è questa: «Un paese sviluppato non è quello in cui i poveri hanno le automobili. È quello dove i ricchi usano i mezzi pubblici».

LEGGI ANCHE: Viaggiare in treno in Europa: conviene rispetto all’aereo. Si risparmiamo tempo e soldi

In fondo, è un pensiero molto su misura per la comunità di Non sprecare. Innanzitutto demolisce, con una sola battuta, l’idea che il benessere possa essere solo quantitativo. Solo un pil, un ricavo in crescita, un decimale che sale, un numero più tondo. Come le automobili vendute, che ben fotografano questa non apparente contraddizioni: avere molte auto, troppe auto, significa avere più soldi, ma può significare anche vivere tutti peggio. Intrappolati nel traffico, avvelenati dallo smog, arrabbiati per multe e costi sempre in aumento.

POLITICI ALLA MANO

Secondo concetto fondamentale della frase di Petro: la qualità, il benessere di una comunità, un benessere diffuso e non concentrato, si misura per esempio dal trasporto pubblico. Da come funzionano i mezzi per tutti. Se anche i ricchi salgono su una metropolitana, su un tram o su un autobus, allora vuol dire che il trasporto pubblico funziona, e questo è benessere per tutti, non solo per chi ha più soldi e può distrarsi in un autobus, oppure per chi non ne ha e deve necessariamente utilizzare un tram o una metropolitana. Se anche i ricchi, se anche i potenti, prendessero con più frequenza i mezzi pubblici, infine, diminuirebbero il rischio, incorporato nel loro alto livello di vita, di perdere il contatto con la realtà. Con l’altro, con il diverso; con gli altri, con i diversi.

PER APPROFONDIRE: La strada è di tutti: ecco la civiltà dello stare insieme. Affrescata in questo libro

GUSTAVO PETRO

Una regola che vale a maggior ragione per un uomo politico. Se stai chiuso nel tuo bunker del potere, un Parlamento o un Consiglio comunale, una sede di partito come un talk show televisivo, senza mai mettere il sederino caldo su un seggiolino freddo di un autobus, rischi di non capire che cosa passa per la testa di chi poi ti dovrà votare. Perdi il contatto con la vita reale, e con i suoi problemi, e prima o poi ti arriva il conto sul muso: e qualcuno ti manda a casa. A piedi.

La foto di copertina è tratta dalla pagina Facebook di Gustavo Petro

IDEE FORTI DI POLITICI VERI. DA CONDIVIDERE

La lezione di Obama, come le nuove tecnologie hanno rivoluzionato la politica

Non sprecare la vita, inseguendo solo soldi, cose e potere: una lezione sudamericana

Renho Murata, la leader giapponese che vuole investire sul futuro aiutando le donne

Pablo Echenique, il “rivoluzionario” in sedia a rotelle che ha conquistato Podemos (foto)