Questo sito contribuisce all'audience di

Abiti usati, in Svezia nasce (foto) la piattaforma web per condividerli

Basta un clic e puoi avere per una settimana un vestito da indossare. Purché poi lo rimetti sul web per condividerlo nuovamente. Un progetto per fermare lo spreco di indumenti.

di Posted on
Condivisioni

CONDIVIDERE VESTITI –

È diventato il caso di sharing economy più citato in Svezia. Un’unica piattaforma per condividere abiti usati, che abbiamo negli armadi da molto tempo e non riusciamo a utilizzare. O anche solo per ottenere gratis, per un tempo limitato, un vestito che non possiamo acquistare.

LEGGI ANCHE: Vestiti di marca in affitto sulla piattaforma My secret dressing room

SHAREWEAR SVEZIA –

La piattaforma web si chiama ShareWear, e funziona in modo molto semplice. Si va sul sito, si sceglie un vestito, e lo si chiede in prestito per un periodo di tempo che non deve superare i sette giorni. Poi, al momento di restituirlo, si rimette in rete per offrirlo ad altri potenziali indossatori.

condividere-vestiti-usati-online-sharewear-svezia (2)

I CAPI PRESENTI SU SHAREWEAR –

La piattaforma è stata sostenuta dai grandi marchi della moda svedese: da Filippa K a Hope, da House of Dagmar a Uniforms for Delicated, da Weekday a Whyred. Ma non ci sono solo questi capi firmati disponibili sulla piattaforma. Appaiono anche i vestiti messi a disposizione dagli utenti della piattaforma, in una formula tipica da economia circolare.

PER APPROFONDIRE: Riciclare vestiti per bambini, con l’Armadio verde basta un clic

LEGGI ANCHE: