Questo sito contribuisce all'audience di

Nuova mobilità a Grenoble: auto elettrica in affitto e mezzo pubblico con una sola tessera

Il servizio si chiama Ha:mo, e indica una mobilità armoniosa. Con lo stesso abbonamento prendi un’auto con il car sharing in 27 postazioni disponibili, e poi il tram o l’autobus.

di Posted on
Condivisioni

I ROAD GRENOBLE –

Grenoble, una cittadina francese grande quanto Cagliari con 157mila abitanti, è sempre più all’avanguardia in Europa sulla nuova mobilità ispirata alle tecnologie verdi ed a un risparmio sui consumi energetici. Per ridurre traffico e inquinamento è partito il progetto ”Cité Lib by Ha:mo”, un programma triennale che permette di conciliare l’utilizzo dei mezzi pubblici con una nuova mobilità individuale, condivisa.

LEGGI ANCHE: Niente più cartelloni pubblicitari per le strade di Grenoble, al loro posto alberi e spazi verdi

PROGETTO HA:MO A GRENOBLE –

Il cuore del progetto Ha:mo (Harmonious Mobility) è rappresentato da 70 mezzi elettrici divisi tra Toyota Auto Body Coms e i-road, di piccole dimensioni, con un’autonomia di circa 40-50 km a emissioni zero e prenotabili attraverso un’app scaricabile sullo smartphone.

LE AUTO COMS E I-ROAD –

Particolari i mezzi i-road a tre ruote, lunghi non più di due metri, in grado di trasportare due persone, e con batterie al litio che si ricaricano in tre ore. I mezzi Coms hanno invece 4 ruote, assomigliano alle auto adoperate per gli spostamenti nei campi da golf, sono dotate di un solo posto e prevedono una parte posteriore con uno spazio apposito per eventuali piccoli carichi.

I COSTI DEL SERVIZIO HA:MO –

L’abbonamento annuale al servizio costa solo 25 euro, 100 invece le colonnine sparse per la città e 27 le stazioni di ricarica.

E non è ancora tutto: al momento dell’iscrizione al servizio, viene fornito a tutti una sorta di corso per la guida corretta delle due diverse auto, con la supervisione di un istruttore. Un servizio importante che permette a tutti di familiarizzare con entrambi i mezzi, soprattutto con i-road. E dopo le prove in un piazzale dove non c’è traffico, si passa alla guida in città.

PER APPROFONDIRE: Mobilità sostenibile, il progetto di Helsinki per dire addio alle auto private entro il 2025