Questo sito contribuisce all'audience di

Borgofuturo: al via l’edizione 2015

Al festival della sostenibilità a misura di borgo si parlerà di riduzione dello spreco, mobilità ed editoria sostenibile. Tutti gli appuntamenti da non perdere per l'evento che si svolgerà a Ripe San Ginesio (Mc) dal 4 al 5 luglio

di Posted on
Condivisioni

BORGOFUTURO 2015 –

Ancora più vicino, sostenibile e anti-spreco. È Borgofuturo, il festival della sostenibilità che si terrà dal 4 al 5 luglio a Ripe San Ginesio, in provincia di Macerata.

LEGGI ANCHE: Borgofuturo, il festival della sostenibilità a misura di borgo

Un’occasione preziosa per tutti gli amanti del “vivere green” per entrare a contatto con storie, progetti e iniziative sostenibili: dal progetto Terra Madre giovani – We Feed the Planet alla serata anti-spreco Disco Macedonia.

SCOPRI ANCHE: Il progetto We Feed the Planet

DISCO MACEDONIA –

Dopo il successo di Disco Maccheroni, l’iniziativa organizzata per l’edizione 2013, sabato 4 luglio a partire dalle 22.30, andrà in scena Disco Macedonia: l’incontro tra la musica e il riciclo del cibo. L’evento, organizzato in collaborazione con Slow Food Youth Network, inizia dal recupero degli invenduti di frutta dei mercati provinciali. Si tratterà di una sessione di cucina collettiva che coinvolgerà anche il pubblico. Insieme, si creerà una macedonia da gustare sulle note di due artisti internazionali: Suz e Boxcutter.

Durante il festival, grande attenzione sarà riservata anche al cibo in vendita. Stand, chioschi e food trucks proporranno infatti ai partecipanti cibo “a metri zero”, nel segno dell’equità, tipicità e controllo all’origine.

RACCOLTA DIFFERENZIATA INCENTIVANTE –

Anche i rifiuti non andranno sprecati: a Borgofuturo sarà possibile vivere da vicino l’esperienza della raccolta differenziata incentivante, che verrà effettuata attraverso riciclatori (o eco-compattatori) che selezionano e riducono i materiali facilmente riciclabili come bottiglie di plastica, lattine in alluminio per poi inviarli direttamente alla fase di riciclo. Ogni cittadino che consegna alla macchina i rifiuti riceve un ecobonus che potrà poi essere speso negli esercizi commerciali che aderiscono al progetti.
A Ripe San Ginesio sarà presente un riciclatore incentivante, in collaborazione con Aliplast ed Eurven, che permetterà al pubblico di ottenere, portando una bottiglietta di plastica vuota, una bottiglia d’acqua piena, a simboleggiare che dietro un rifiuto si nasconde una risorsa.

PER IL FUTURO: Il progetto di riqualificazione ambientale di Ripe San Ginesio

MOBILITÀ SOSTENIBILE –

Ma non di solo cibo e rifiuti si parlerà a Borgofuturo. Il Festival della sostenibilità a misura di borgo sarà infatti anche un’occasione per parlare di innovazione, mobilità ed editoria sostenibile.
Sabato 4 alle 16 si terrà il convegno “Senso di marcia: mobilità sostenibile tra innovazione e condivisione” a cui parteciperanno BlaBlacar, il principale sito di ride sharing in Europa, la piattaforma di carpooling per pendolati Jojob.it e Mercedes-Benz Italia, che presenterà i sistemi di Internet of Things applicati alle auto, partendo dall’esperienza del car sharing car2go.
Sarà anche possibile effettuare una test di guida di un’auto elettrica, per provare il piacere di viaggiare ad emissioni zero.

LIBRO FUTURO –

Alle 17.15, sempre di sabato, i protagonisti del mondo dell’editoria e della comunicazione ambientale daranno il via alla seconda edizione di Librofuturo, il Forum dell’Innovazione in campo editoriale curato da Marco Fratoddi e La Nuova Ecologia.
Un momento per fare il punto sull’editoria e sul suo futuro, sull’innovazione nel settore e in quella ambientale nel nostro Paese.
Per l’occasione, verranno presentati alcuni libri che faranno discutere: “Il topo sognatore e altri animali di paese” di Franco Arminio, che sarà presente all’evento e “Femminile Plurale” di Eleonora Tamburrini, Renata Morresi, Allì Caracciolo e Luana Trapè, che racconta di 17 donne marchigiane in un percorso geopoetico attraverso la regione che interpreta un territorio tra bellezze e ferite, ne indaga le eredità culturali e artistiche, unisce il vissuto e la memoria allo slancio verso il futuro.
Domenica 5 alle 17.15 verra invece presentato “Medicina ribelle” di Andrea Bertaglio, sul marketing farmaceutico e il “disease mongering”, cioè la commercializzazione delle malattie.