Black Post: il giornale online degli immigrati
Questo sito contribuisce all'audience di

Black Post: il giornale online degli immigrati

La redazione è formata da migranti di prima e di seconda generazione. Tanti racconti, poesie, ma anche alcune battaglie contro il razzismo

Lo slogan è semplice, ma molto efficace, sul filo dell’ironia: <Metti nero su bianco>. E con questa parola d’ordine è online il sito Black Post, la voce dei migranti di prima e di seconda generazione in Italia.

BLACK POST IL GIORNALE ONLINE DEI MIGRANTI IN ITALIA

Black Post non è solo un sito di informazioni, che in qualche modo hanno a che fare con le tematiche dell’immigrazione, ma raccoglie anche storie, commenti, poesie, punti di vista, degli stranieri che sono arrivati in Italia. L’idea è partita da un italiano, Luca De Simone, uno studente di 28 anni, aiutato da un giornalista di lungo corso, Sandro Medici, ex direttore del manifesto. E il risultato è uno spazio molto aperto per raccogliere le opinioni degli immigrati, ma anche per dare un termometro della situazione.

LEGGI ANCHE: Integrazione ai piedi del Pollino, i bambini di Acquaformosa aprono le porte del paese: “Qui nessuno è straniero!”

REDAZIONE BLACK POST

La redazione del Black Post è formata da donne e uomini di colore, e non solo: Michel Rukundo arriva dal Ruanda, Bruna Kola Mece dall’Albania, Marcela Magalhaes dal Brasile, Bianca Vanessa Guiterres dal Messico. E così via. In comune hanno due cose: loro ce l’hanno fatto e sono perfettamente integrati in Italia, ma non hanno mai dimenticato la lotta contro qualsiasi forma di razzismo e di discriminazione.

 

Le immagini sono tratte dalla pagina Facebook Black Post – L’informazione Nero su bianco 

STORIE DI INTEGRAZIONE:

  1. La sartoria sociale di Baranzate che crea capi d’alta moda, integrazione e valore per il territorio
  2. In Brianza nasce il garage solidale, autofficina che offre lavoro e integrazione
  3. Libri in 25 lingue per fare integrazione, la storia della Biblioteca Interculturale di Roma
Share

<