Beni confiscati all'illegalità: il report di Transparency International - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

“La confisca dei beni illeciti in Italia”: il report di Transparency International Italia

Dal report emerge che a fronte di un positivo il lavoro di confisca, sono infatti più di 40mila i beni confiscati in Italia, risulta ancora scarso il lavoro sul fronte dell’assegnazione: solo il 4 per cento dei beni confiscati è stato assegnato.

di Posted on
Condivisioni

BENI CONFISCATI – Qualche mese fa vi abbiamo parlato della Cascina di Chiaravalle di Milano, una struttura enorme confiscata alla criminalità organizzata e che verrà presto trasformata in un pensionato destinato alle famiglie senza casa. Oggi torniamo sull’argomento perché la scorsa settimana è stato presentato alla Camera di Commercio di Napoli il report di  Transparency International Italia sui procedimenti di confisca dei beni illeciti dal titolo “La confisca dei beni illeciti in Italia”.

LEGGI ANCHE: Nelle Marche la fattoria della legalità nella terra confiscata alle mafie

IL REPORT DI TRANSPARENCY INTERNATIONAL ITALIA – Il report rientra nella ricerca condotta nell’ambito del progetto europeo “Enhancing Integrity and Effectiveness of Illegal Asset Confiscation – European Approaches”, commissionato e cofinanziato dalla Commissione Europea e al quale Transparency International Italia partecipa insieme a Transparency International Romania e Transparency International Bulgaria.

Per quanto riguarda il nostro Paese, dal report emerge che a fronte di un positivo il lavoro di confisca, sono più di 40mila i beni confiscati in Italia, risulta ancora scarso il lavoro sul fronte dell’assegnazione: solo il 4 per cento dei beni confiscati è stato assegnato.

IL SISTEMA DELLE CONFISCHE DI BENI ILLECITI IN ITALIA – In particolare, il report analizza il nostro sistema di confisca dei beni illeciti attraverso una dettagliata indagine normativa, testimonianze dirette e dati statistici e indaga i punti di criticità del sistema avanzando anche raccomandazioni pratiche.

La confisca dei beni nel nostro Paese ha una duplice valenza: punitiva e preventiva. In quest’ultimo caso, il forte valore preventivo della confisca risiede soprattutto nel riutilizzo del bene a fini sociali.

IL TAVOLO DI LAVORO PER IL CONTRASTO ALL’ILLEGALITA’ – Al termine della discussione è stata annunciata inoltre la creazione di un “Tavolo di lavoro sulla riforma della normativa in tema di misure di prevenzione”: un’ idea di Luigi Maria Rocca che ha già raccolto l’adesione di Trasparency international, dell’Università Suor Orsola Benincasa, della Fondazione Machting Energies, della Associazione Sos Impresa – Rete per la legalità e di numerosi professionisti, professori universitari e magistrati.

Un’occasione da non sprecare quella del contrasto alla corruzione e all’illegalità, una precondizione importante per far ripartire il nostro territorio e garantirsi sviluppo e competitività.

Per leggere il report potete cliccare qui. Per visualizzare invece l’infografica contenente i diversi dati sulle confische e sui beni assegnati cliccate qui.

PER APPROFONDIRE: La storia di Emanuele e degli altri giovani che con coraggio lottano contro la mafia delle campagne

LEGGI ANCHE: