Andrea perde la moglie e i colleghi gli regalano le ferie
Questo sito contribuisce all'audience di

Andrea perde la moglie e trova i colleghi di lavoro che gli regalano le ferie per stare con i figli piccoli

Una storia tutta italiana, di straordinaria solidarietà. La donna, giovane, muore di cancro e il marito resta solo con due figli da crescere. Ad aiutarlo ci pensano i suoi amici

La solidarietà ha molte facce. E a volte abbraccia, con una carezza corale, la disperazione. E’ quanto avvenuto a San Donà di Piave, in Veneto, dove un uomo si è trovato improvvisamente solo, trafitto da un destino, crudele, ma ha subito trovato la compagnia e l’aiuto dei suoi compagni di lavoro.

ANDREA PERDE LA MOGLIE E I COMPAGNI DI LAVORO LO AIUTANO CON I FIGLI

Andrea Leoni e la moglie Chiara Batacchi sono una giovane coppia con una bella famiglia, dove ci sono due bambini di 11 e 13 anni. Il destino non fa sconti, Chiara si ammala di un cancro velocissimo e muore in pochi mesi. Andrea non si lascia soffocare dalla disperazione, ma trova la forza di reagire e di affrontare il problema più urgente con il quale deve fare i conti. Ha bisogno di tempo. Non per se stesso, ma per dedicarsi ai figli. Vanno a scuola, devono assorbire il trauma della perdita della mamma, non possono stare soli neanche un minuto.

SOLIDARIETÀ AD ANDREA PIERONI

Andrea lavora come autista alla Veritas, l’azienda municipalizzata per i servizi ambientali della zona, e quando la moglie muore, i suoi compagni di lavoro si mobilitano molto rapidamente. Hanno capito il problema. E raccolgono ore, permessi e ferie, cedendoli ad Andrea. In tutto trenta giorni, durante i quali l’uomo potrà dedicarsi ai suoi figli grazie alla meravigliosa solidarietà dei suoi colleghi.

BELLE STORIE DI SOLIDARIETÀ:

  1. Società Dolce: il gigante della solidarietà
  2. A Tivoli la Taverna di Dracula si trasforma in mensa per indigenti. Una lezione di solidarietà
  3. App Tucum: Treia è la prima città a utilizzarla per promuovere la solidarietà verso i più deboli
Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?

<