Questo sito contribuisce all'audience di

La regina delle api, una radiosa ragazza di 25 anni che crea alveari in città, sui tetti delle multinazionali

Leigh-Kathryn Bonner è diventata una delle star tra le nuove imprenditrici americane under 30. Propone alle aziende di produrre il miele e si occupa di tutto. Con api rigorosamente italiane

di Posted on
Condivisioni

ALVEARI IN CITTÀ

La regina delle api ha due grandi occhi che catturano lo sguardo come una calamita, capelli lunghi e ricci da studentessa universitaria, e un sorriso che mette il buonumore. Leigh-Kathryn Bonner, 25 anni, laurea in Scienze Politiche e Relazioni internazionali è diventata una delle star dell’imprenditoria giovanile, under 30, negli Stati Uniti.

Discendente di una famiglia che da quattro generazioni si occupa di alveari e residente in un ranch del North Carolina, dove questo tipo di allevamenti sono molto diffusi, Kathryn ha deciso di dare una svolta alle attività di famiglia inventando un nuovo business: gli alveari in città, ovvero sui tetti delle grandi società, a partire dalle multinazionali.

LEGGI ANCHE: La grande lezione delle api che ci insegnano a vivere insieme: il racconto in questo libro

ALLEVAMENTO API CITTÀ

Il meccanismo di quest’azienda, il cui nome è Bee Downtown, è molto semplice. La giovane imprenditrice offre una sorta di pacchetto “chiavi in mano” alle società: porta gli alveari con le api che restano di sua proprietà, li cura, si occupa della loro manutenzione, e istruisce i dipendenti per trasformarli in apicoltori part time. In questo modo le aziende sommano tre vantaggi. rendono più accogliente e bello dal punto di vista estetico, il quartiere generale della società. Motivano i dipendenti, tanto che l’attività di apicoltore è considerata ormai un benefit. Contribuiscono a migliorare il contesto urbanistico dove operano: e in America questa è la più importante operazione di marketing che una multinazionale possa fare.

Dopo un anno di attività Leigh-Kathryn Bonner è riuscita a conquistare grandi aziende americane, dalla Ibm alla Delta, e adesso viene considerata “la regina delle api“, con alveari che si stanno diffondendo in diverse città degli Stati Uniti. Il miele delle api di città, infine, ha un valore più alto rispetto a quello degli alveari in campagna. E questo perché i preziosi insetti hanno una dieta più ricca e più bilanciata. Inoltre, nel caso di Bee Downtown si tratta solo di api italiane, le migliori al mondo per la loro docilità e per la qualità del miele che riescono a produrre.

Le foto sono tratte dalla pagina Facebook Bee Downtown

COSÌ LE API SALVANO LA TERRA

L’estinzione delle api e le sue drammatiche conseguenze: il caso Cina

Strage di api: un piano del governo francese per fermarla

Api in crisi: nasce l’anagrafe per contarle e per salvarle

Scomparsa api: sui tetti di New York lavorano 200 apicoltori

Le api muoiono per colpa dei pesticidi: la Ue chiede di fermarli per due anni

3Bee, un dispositivo elettronico che protegge gli alveari da pesticidi e parassiti