L'albergo di Trento che ospita profughi ucraini | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

L’ex albergo di Trento che ospita profughi ucraini

L’Oasi è un hotel speciale che ha aperto le porte anche agli ucraini. Compresa un’intera famiglia, dalla nonna a un bebè di cinque mesi

di Posted on

Fino alla fine degli anni Ottanta era l’albergo preferito dai camionisti e dagli autisti di autobus che si preparavano ad attraversare la frontiera. Adesso l’albergo Oasi a Trento è diventato un Hotel sociale, che non è un termine generico, ma indica una concreta accoglienza. Di senza dimora, di disabili, e anche di profughi ucraini.

ALBERGO OASI A TRENTO

La trasformazione così radicale dell’albergo Oasi a Trento è stata realizzata grazia all’Ipsia (Istituto Pace, innovazione e sviluppo che fa capo alle Acli) del Trentino e il nome rappresenta l’acronimo di Ospitalità, Accoglienza, Solidarietà e Integrazione. Tra l’altro, per sostenere le spese della struttura e renderla autonoma da contributi e sussidi, un piano è ancora dedicato all’attività ricettiva.

LEGGI ANCHE: Fabio e Marco, due novantenni che ospitano bambini e mamme ucraine nelle loro case

PROFUGHI UCRAINI ALL’ALBERGO OASI

L’accoglienza dell’Oasi non è riservata agli italiani o agli immigrati residenti nel nostro Paese e finiti in difficoltà. Le porte dell’ex albergo si sono aperte immediatamente per ospitare 15 profughi in fuga dalla distruzione della guerra in Ucraina. Tra i profughi ucraini c’è un’intera famiglia, dalla nonna a un bebè di appena cinque mesi.

L’immagine di copertina è tratta da Trento Today

STORIE BELLE DI SOLIDARIETÀ:

  1. Carla a 16 anni organizza autobus per aiutare gli ucraini
  2. A Tivoli la Taverna di Dracula si trasforma in mensa per indigenti. Una lezione di solidarietà
  3. Sartoria African Style: a Palermo ago, filo e stoffa cuciono insieme accoglienza e solidarietà. Piena di colore
Share

<