Questo sito contribuisce all'audience di

Il “capo branco” umano capace di far diventare i cani campioni nella ricerca (Foto)

Alessandro Dalvit, imprenditore che costruisce serbatoi per il vino a Trento, quindici anni fa quasi per caso è diventato addestratore. Oggi, quello che era un passatempo, è diventata una passione che produce risultati entusiasmanti. Lo scorso anno, infatti, ha vinto il campionato italiano per i cani da soccorso

di Posted on
Condivisioni

ADDESTRARE CANI CAMPIONI –

Alessandro Dalvit è il capo del suo branco di cani. È un uomo ma per Muttley e Maverick, i suoi due amici a quattro zampe, è come se fosse uno di loro. E la sintonia si vede eccome, lo scorso anno, infatti, tutti e tre hanno vinto il campionato italiano per i cani da soccorso, un titolo conteso fra trenta fuoriclasse al loro stesso livello e voluto dall’Iro, l’Organizzazione internazionale dei cani da soccorso. Un vero e proprio trionfo per Alessandro, 40 anni, che nella vita non fa solo l’addestratore ma è anche un imprenditore che costruisce serbatoi per il vino a Trento.

LEGGI ANCHE: Giocare con il cane, i consigli essenziali. Molto spazio per correre e comandi precisi (Foto)

CANI DA SOCCORSO –

Addestrare questo tipo di cani è tutt’altro che semplice ma alla fine del percorso tra addestratore e animali si crea un legame indissolubile, difficile da descrivere. Per far diventare Muttley, una femmina di labrador con il pelo nero come la pece, e Maverick, un pastore belga malinois maschio, dei veri e propri campioni nella loro specialità, come ad esempio la ricerca in caso di terremoto, Alessandro si alza tutte le mattine all’alba e fatica sul campo con i suoi “amici”. Le sue giornate si dividono tra il tempo libero passato in famiglia, ha moglie e due figli, e la formazione di unità cinofile da soccorso. Il suo è un vero e proprio talento scoperto quasi per caso 14 anni fa.

CANI DA RICERCA –

Tutto è nato grazie a Cody, un golden retriever femmina. Un giorno, una quindicina di anni fa, Alessandro decide di rivolgersi alla Scuola provinciale di Trento per i cani da ricerca e catastrofi per far imparare alla sua amica a quattro zampe alcune cose elementari per rendere più facile la loro convivenza. Cody, dopo qualche mese, quando era ancora alle prime armi come cane da ricerca, riuscì a ritrovare un anziano disperso nei boschi trentini, impresa che le valse un “premio fedeltàe che convinse Alessandro che quella era la sua strada.Tanto che oggi è il direttore tecnico di quella scuola e istruisce soccorritori. In una recente intervista ha dichiarato: “L’empatia con un cane non si improvvisa e non si inventa, bisogna trattarlo come fosse un figlio, lui ha bisogno del tuo tempo, tutto il tempo che puoi, della tua pazienza e della tua fermezza ma anche delle carezze e del premio al momento giusto. Pochi ordini ma decisi, non servono tante parole. Quando si stabilisce il feeling lui capisce anche sguardi e movenze. L’empatia si conquista anche in modo un po’ – mi passi il termine – primitivo. Non mi vergogno di dire che con ognuno dei miei cani durante il primo mese di convivenza ho dormito per terra accanto a loro, su un materasso…”.

Le foto sono tratte dalla pagina Facebook di Alessandro Dalvit

PER APPROFONDIRE: Come scegliere il cane giusto, 10 regole d’oro. Valutando spazi, stili di vita e tempo