Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Swap-Hop, la nuova forma di “baratto creativo”

Piattaforma dove fotografi, illustratori, pittori, musicisti, stilisti, artigiani, designers possono barattare le loro produzioni con oggetti messi a disposizione da altri utenti

Condivisioni

E’ nata una nuova forma di “baratto creativo” che reagisce alla crisi. Si chiama Swap-Hop èd è basato su un’idea che si è sviluppata a Maser, nella provincia di Treviso, all’inizio di questo anno. Giovanissimo, Swap-Hop da due mesi ha anche una pagina Facebook.

L’IDEA –

Secondo i fondatori Gino Pillon e Shannon Sadler, l’attuale crisi economica può diventare un’opportunità per ripensare alle abitudini consumistiche, sviluppare una sensibilità sociale e individuare comportamenti alternativi. Il progetto si sviluppa su una piattaforma web per scambiare oggetti e al tempo stesso, valorizzare la creatività degli utenti. Si tratta infatti di un’iniziativa che promuove il baratto di oggetti mettendo particolarmente in evidenza quelli creati dagli utenti stessi. Per questa ragione, Swap-Hop si configura come sbocco inedito per le opere di “creativi” come fotografi, illustratori, pittori, musicisti, stilisti, artigiani, designers che possono barattare le loro produzioni con oggetti messi a disposizione da altri utenti, ma anche acquisire fama all’interno della comunità ed essere notati dall’esterno, per esempio da addetti ai lavori come galleristi, mercanti d’arte, produttori musicali, registi.

LEGGI ANCHE: Acquisti usato online, un boom contro la crisi

COME FUNZIONA? –

Tutto ciò è possibile grazie alla classifica di Swap-Hoppers generata dai feedback che gli utenti ricevono secondo la qualità e quantità di scambi che realizzano, e secondo il giudizio che ricevono dagli altri utenti. Maggiore sarà il punteggio raggiunto da uno Swap-Hopper, maggiore sarà la possibilità per lui di essere in alto nella classifica e farsi notare.

RACCOLTA FONDI –

L’entusiasmo crescente nella fase di startup ha indotto i fondatori a partecipare ad una campagna di fund-raising su Indiegogo. L’obbiettivo è di esporre e proporre il progetto a livello globale per raccogliere fondi da seguaci e costruire la piattaforma. Se questo obbiettivo sarà raggiunto, i finanziatori saranno ricompensati con buoni sconto per i servizi di Swap-Hop e punti di feedback da usare nella piattaforma. Se invece l’operazione non andrò a buon fine, i finanziatori saranno rimborsati.