Questo sito contribuisce all'audience di

Educare senza urlare. La rabbia non serve

Farsi ascoltare dai figli non è semplice. E non esistono certezze per riuscirci. Ma sicuramente non aiutano le urla, che anzi spesso chiudono i collegamenti tra genitori e figli. Il libro di un bravo pedagogista.

Educare senza urlare. La rabbia non serve
Educare senza urlare
di
Condivisioni

EDUCARE SENZA URLARE

I genitori che urlano in testa ai figli, talvolta disperati, in altri casi semplicemente freddi o furibondi, non sono certo da invidiare. O da imitare. Sgridare un bambino può diventare una necessità, e farsi ascoltare dai figli non è semplice: inutile nascondersi dietro a un dito. Ma di sicuro lo strillo facile, specie quando la pazienza è poca e la voglia di tessere la tela del mestiere di genitore è pari a zero, non è un buon metodo. E anzi si trasforma, di solito, in uno spreco dei rapporti umani tra figli e genitori, fino a una rottura del patto fiduciario ed a una conseguente difficoltà nel dialogo e nei collegamenti con padri e madri.

Un metodo sbagliato, uno spreco di energie, che può solo peggiorare i rapporti, come spiega nel suo bel libro “Urlare non serve a nulla” (Edizioni Bur) il pedagogista Daniele Novara.

LEGGI ANCHE: Capricci dei bambini, 10 consigli per gestirli al meglio

COME EDUCARE SENZA URLARE

«Il genitore efficace, sul piano dell’educazione, è quello che non si abbandona alla rabbia» spiega Novara, «Non si offende e non fa ritorsioni, non fa l’amicone dando quella confidenza che è pronto a ritirare violentemente alla prima occasione, non vuole trasformare e plasmare i figli a proprio piacimento.

COME FARSI UBBIDIRE DAI FIGLI SENZA URLARE

E quanto alle regole, Novara ricorda che in famiglia non bisogna esagerare con le parole e con le discussioni infinite: ne servono poche e chiare. Una buona idea, da applicare anche fuori casa.

Del resto, come si legge nella descrizione del libro, farsi ascoltare dai figli non è mai stato semplice e la mancanza di tempo associata allo stress rendono questo compito ancora più difficile. Ecco perché molti genitori si trovano ad alzare la voce. Ma è un metodo inefficace, che non dà i risultati sperati con i bambini. Daniele Novara, pedagogista ed esperto di conflitti interpersonali, in questo libro si rivolge proprio ai genitori suggerendo come imparare a controllare le proprie reazioni emotive in modo da riuscire a farsi ascoltare e gestire nel modo migliore i conflitti che si generano ogni giorno con i figli.

Il volume è ancora più efficace perché parte dal racconto di store vere. Da qui l’autore sottolinea come per educare bene servano semplicemente regole chiare, organizzazione e una buona comunicazione.

QUALCHE CONSIGLIO PER EDUCARE BENE I PROPRI FIGLI:

Ultime Notizie: