Questo sito contribuisce all'audience di

Cucina da chef e tradizione contadina: stufato con i “seccatini” di zucca

Lo chef Enzo Barbieri ha preparato in occasione di Expo lo sfufato di "seccatini" di zucca, una ricetta tradizionale che recupera il sapere contadino. Con peperoni secchi, melanzane e pomodorini compongono uno stufato semplice e delizioso

Condivisioni

ZUCCA RICETTA CALABRESE –

Tra le province più estese d’Italia, quella di Cosenza è attenta al recupero delle tradizioni, e l’appuntamento di Expo con l’incontro dal titolo: “Cosenza, la grande provincia italiana. Il valore dell’identità tra produzioni di qualità, mito, storia e leggenda” nel quale il presidente della provincia Mario Occhiuto ha puntato sulla presenza dello chef Enzo Barbieri ne è un esempio. Il cuoco di Altomonte ha valorizzato i piatti della tradizione contadina calabrese spiegando che “Il vero lascito dell’Expo è rappresentato dalla riscoperta della conservazione naturale dei cibi senza artifici meccanici o industriali”.

SECCATINI DI ZUCCA –

I “seccatini” di zucca sono stati i protagonisti di un’esperienza culinaria mostrata dallo chef, che riporta al mondo contadino e alla raccolta dei prodotti nel periodo estivo per conservarli durante l’inverno.

Lo chef quando ha preparato lo sfufato di seccatini, per realizzare i quali, ha spiegato, “servono solo delle zucche, ventiquattro ore di pazienza e un po’ d’aria naturale”.

RICETTA STUFATO CON SECCATINI DI ZUCCA –

Le zucche, ripulite della polpa, si tagliano a filamenti lunghi che vengono appesi e periodicamente “pettinati” durante il giorno con le mani. Trascorse ventiquattro ore ne servono altrettante per completare il processo: i filamenti di zucca vengono raccolti e tagliati e quindi conservati in sacchi di tela in cantina. Durante l’inverno vengono ripresi per realizzare un favoloso stufato insieme alle patate, ai peperoni secchi e a qualche melanzana, dopo aver lasciato la zucca a bagno in acqua bollente per 1-2 minuti. Lo stufato deve cuocere per una trentina di minuti con olio extravergine e quattro-cinque pomodorini, fino a che i sapori di tutte le verdure non si siano ben amalgamati regalando un sapore unico a questa pietanza semplice e deliziosa.