Questo sito contribuisce all'audience di

Yunity, la piattaforma per il recupero del cibo in eccedenza

Una piattaforma web opensource, estesa a più Paesi, per il recupero del cibo, sviluppata da un gruppo di 30 volontari riunitosi a Malo in provincia di Vicenza nel corso degli WuppDays.

Condivisioni

PIATTAFORMA RECUPERO CIBO –

Una piattaforma web opensource, estesa a più Paesi, per la redistribuzione delle risorse e in particolar modo del cibo in eccesso: si tratta di Yunity, il progetto che ha coinvolto un gruppo di 30 persone provenienti da ogni parte del mondo e riunitesi a Malo, in provincia di Vicenza, per prendere parte agli WuppDays, tra il 20 settembre e il 15 ottobre 2015.

LEGGI ANCHE: “Feeding forward”, in California il progetto per il recupero del cibo in eccedenza

YUNITY –

Durante queste giornate di lavoro, i giovani volontari hanno unito le loro competenze per dar vita alla piattaforma internazionale Yunity in grado di mettere in contatto tra loro donatori e fruitori di cibo in eccedenza, a rischio spreco.

Un’iniziativa sviluppata sulla scia della piattaforma www.foodsharing.de che attualmente conta 90mila iscritti dei quali oltre 10mila utilizzano quotidianamente il sistema e circa 6mila volontari che dedicano una parte del loro tempo alla lotta contro gli sprechi alimentari. Circa 2.595.702 i chilogrammi di cibo sottratti alla spazzatura.

WUPPDAYS –

Per conoscere meglio l’iniziativa non perdete il video con le testimonianze dei partecipanti agli WuppDays:

PER APPROFONDIRE: La piattaforma web per il recupero del cibo rimasto invenduto nei supermercati