Questo sito contribuisce all'audience di

Piste ciclabili, il governo promette 5 ciclovie in Italia. Le vedremo mai?

Il Grande raccordo anulare per le bici, 44 chilometri a Roma, è già finanziato e potrebbe essere pronto in un anno. In Europa gli altri paesi con le ciclovie fatturano 44 miliardi di euro l’anno.

di Posted on
Condivisioni

VANTAGGI CICLOVIE IN ITALIA –

La promessa è impegnativa: 5 ciclovie, ovvero percorsi riservati alle bicicletta, di lunga portata e in alcuni casi in grado di attraversare più regioni. I soldi, secondo il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, ci sono, anche perché in gran parte si tratta di fondi europei. E anche i progetti, in alcuni casi solo sulla carta, in altri già con un pezzo del percorso realizzato.

LEGGI ANCHE: In bici da Torino a Venezia, la ciclovia del Po non è più un sogno

LE CINQUE CICLOVIE DA REALIZZARE –

Parliamo del Grab (Grande raccordo anulare in bicicletta) a Roma, della Venezia-Torino, della ciclovia del Sole, dell’Acquedotto Pugliese e l’anello del Garda. L’Italia cambierebbe faccia, e ci sarebbe una spinta decisiva verso la mobilità alternativa all’uso dell’automobile. Tutto secondo una linea molto praticata in Europa, se teniamo presente che in Germania è in costruzione perfino un’autostrada riservata alle bici per attraversare l’intera area industriale della Ruhr.

VANTAGGI ECONOMICI DELLE CICLOVIE ITALIANE –

Le grandi ciclovie porterebbero indotto, turismo, nuova economia. Secondo i calcoli della Confindustria laziale soltanto il piccolo raccordo anulare in bici, in tutto 44 chilometri, significherebbe un giro d’affari per la capitale di 14 milioni di euro l’anno. Le attuali ciclovie in Europa, pensate, valgono attività economiche pari a 44 miliardi di euro. Toccherà al nuovo sindaco di Roma, nel caso del Grab,  mettere in sicurezza e completare l’intero percorso, considerando che 30 chilometri, sulla carta, sono già funzionanti. «Il progetto è tutto finanziato, il comune di Roma deve solo correre per realizzarlo e, volendo, potrebbe essere pronto entro un anno» avverte Delrio. E allora, se il nuovo sindaco non ce la dovesse fare, il governo potrebbe scegliere l’unica soluzione concreta: commissariare il progetto. E portarlo a termine.

PER APPROFONDIRE: A Pesaro la “bicipolitana”, una metropolitana con linee riservate alle biciclette

LEGGI ANCHE: